Maturità 2022, commissione positiva al Covid: primi rinvii a luglio

WhatsApp
Telegram

Scattano gli esami di maturità e sulle prove incombe l’impennata dei casi da Covid-19. Così come segnala l’ANP Veneto, ci sono casi di positività tra studenti e membri della commissione.

Che fare, dunque? “Diversi maturandi hanno comunicato la loro positività al Covid-19, quindi sosterranno gli scritti nelle prove suppletive dei prossimi 6 e 7 luglio”, afferma Luigi Zennaro. La direttrice dell’ufficio scolastico regionale, Carmela Palumbo aggiunge: “A Venezia, nei giorni scorsi, tutti i componenti di una commissione sono risultati positivi. Siamo però riusciti a sostituirli in tempo”.

Cosa fare quindi se un candidato risulta positivo e non può presentarsi a svolgere la prova scritta o il colloquio?

All’articolo 8 comma 2 dell’OM 65 le indicazioni per queste circostanze:

I candidati che, per sopravvenuta impossibilità dovuta a malattia o ad altri gravi documentati impedimenti, non possono lasciare il proprio domicilio per l’effettuazione del colloquio inoltrano al presidente della commissione d’esame motivata richiesta di effettuazione del colloquio a distanza, corredandola di idonea documentazione. Il presidente della commissione dispone la modalità d’esame in videoconferenza.

Diversamente, i candidati che non possono lasciare il proprio domicilio per lo svolgimento delle prove scritte, che debbono obbligatoriamente essere effettuate in presenza, vengono rinviati alle sessioni suppletiva o straordinaria secondo quanto previsto all’articolo 26.

Pertanto se il candidato dovesse risultare positivo al Covid, potrà svolgere il colloquio in videoconferenza.

Se invece la positività è motivo di impedimento per le prove scritte, le stesse possono essere svolte nelle sessioni suppletiva o straordinaria.

All’articolo 26 indicazioni sulla prova suppletiva:

Ai candidati che, a seguito di assenza per malattia, debitamente certificata, o dovuta a grave documentato motivo, riconosciuto tale dalla sottocommissione, anche in relazione alla situazione pandemica, si trovano nell’assoluta impossibilità di partecipare alle prove scritte, è data facoltà di sostenere le prove stesse nella sessione suppletiva.

Ai candidati che, a seguito di assenza per malattia, debitamente certificata, o dovuta a grave documentato motivo, riconosciuto tale dalla sottocommissione, si trovano nell’assoluta impossibilità di partecipare, anche in videoconferenza, al colloquio nella data prevista, è data facoltà di sostenere la prova stessa in altra data entro il termine di chiusura dei lavori previsto dal calendario deliberato dalla commissione.

Se poi non è possibile sostenere le prove scritte nemmeno nella sessione suppletiva o sostenere il colloquio, anche in videoconferenza, entro il termine previsto dal calendario deliberato dalla commissione, i candidati possono chiedere di sostenere le prove in un’apposita sessione straordinaria, producendo istanza al presidente entro il giorno successivo all’assenza.

Date sessione suppletiva

La prima prova scritta suppletiva si svolge mercoledì 6 luglio 2022, dalle ore 8:30; la seconda prova scritta suppletiva si svolge giovedì 7 luglio 2022, con eventuale prosecuzione nei giorni successivi per gli indirizzi nei quali detta prova si svolge in più giorni.

Abbiamo già scritto cosa fare se i componenti della commissione sono positivi in Maturità ed esami terza media 2022, causa Covid i commissari possono partecipare in videoconferenza?

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur