Maturità 2022, Bianchi: “Ascoltiamo parere di studenti e docenti, daremo una risposta quanto prima”

WhatsApp
Telegram

A margine dell’inaugurazione del salone Orientamenti, in corso a Genova, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha parlato dell’attualità scolastica.

Sull’esame di maturità, Bianchi è tornato sull’argomento affermando che il Ministero sta monitorando la situazione e presto deciderà sulla formula: “Stiamo molto attenti alle richieste dei ragazzi e abbiamo molta attenzione verso quanto ci dicono i docenti – ha evidenziato il ministro – Quanto prima daremo il modo di preparare al meglio anche gli esami di quest’anno. Avete visto gli anni scorsi quando sembrava impossibile, li abbiamo fatti tutti in presenza permettendo a tutti di esprimersi al meglio”.

Maturità, come è stato l’esame negli ultimi anni

Lo scorso anno l’esame era composto da un elaborato assegnato dal Consiglio di classe allo studente e riguardante una disciplina caratterizzante l’indirizzo di studi e dal maxi-orale in presenza, diviso in quattro fasi. Tra queste vi era la lettura e l’analisi di un testo di letteratura italiana contenuto nel programma dell’anno e una seconda fase con l’approfondimento di un argomento legato all’indirizzo di studio. L’orale era “ritagliato” sulla falsa riga delle due prove scritte della maturità pre-Covid.

Maturità, la petizione degli studenti sfonda quota 40mila

In molti chiedono una riforma stabile e strutturale dell’esame, cosa che però non sembra essere tra le priorità del Ministero dell’Istruzione. Intanto è stata lanciata una petizione per eliminare le prove scritte anche al prossimo esame di maturità: ha raggiunto già oltre 40mila firme ed è stata inviata al ministro dell’Istruzione Bianchi

Maturità 2022, addio alle prove scritte? Il Ministero ci pensa, una petizione ha raccolto oltre 40mila firme

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur