Maturità 2021, parte la caccia al presidente esterno: 1 su 2 sta raccogliendo informazioni

Stampa
esame di stato maturità

Un nuovo tassello nel mosaico della Maturità 2021. Da poche ore, dopo la pubblicazione delle liste da parte del MI, i futuri diplomandi hanno scoperto i componenti della commissione ma soprattutto il presidente designato, unico membro esterno per il secondo anno consecutivo causa esame d’emergenza, senza scritti e con solo un maxi-orale.

Quello che non cambia rispetto al passato, è la curiosità dei ragazzi, che vogliono scoprire chi si cela dietro quel nome sconosciuto fino a ieri. Come ha potuto verificare Skuola.net intervistando 600 maturandi: oltre 1 su 2 , infatti, dice di aver già iniziato a raccogliere informazioni sul ‘regista’ del proprio esame (1 su 4 lo farà a breve); appena 1 su 10 – tra quelli che erano al corrente della pubblicazione degli elenchi – non si è neppure premurato di sapere le sue generalità.

Maturità 2021: online elenco presidenti di commissioni esame di Stato. Cerca la tua commissione

La prassi di avere quanti più dettagli possibile sui membri esterni della commissione, dunque, prosegue anche con l’esame in versione ridotta. Il metodo preferito per le indagini? C’è una divisione netta tra analogico e digitale: il 29% si sta rivolgendo (o lo farà presto) direttamente alla scuola dove insegna il presidente, una quota identica (29%) sta invece seguendo o seguirà le sue tracce sul web consultando i motori di ricerca. Quasi 1 su 4, più audace, andrà a scandagliare i suoi profili social per iniziare a farsi un’idea della persona che dovrà fronteggiare. Il 19%, infine, vorrebbe mettersi in contatto con i suoi alunni, per capire che tipo di insegnante dovrà convincere in sede d’esame.

Anche se, poi, meno della metà dei maturandi (42%) ammette di temere il membro esterno della commissione, pensando che possa riservare brutte sorprese, forse anche a causa delle ricerche appena effettuate sulla sua persona. Il 58% degli intervistati, al contrario, si professa molto tranquillo, sia pensando alla commissione d’esame a maggioranza interna sia trovando conforto negli esami passati: il presidente di commissione è sempre stato un membro esterno, in fin dei conti.

A riprova dell’approccio sereno all’esame di quest’anno, il 63% afferma di essere contento di dover affrontare solamente i prof della propria classe – eccezion fatta per il presidente, ovviamente – che già ti conoscono. Non sarà però una passeggiata, almeno per il 24% dei ragazzi raggiunti dal sondaggio, che dicono di non aver un buon rapporto con tutti i docenti. Sempre meglio però di quel 5% che non va d’accordo praticamente con nessun insegnante. Ma c’è anche un 8% che è scontento perché avrebbe voluto confrontarsi con qualche professore esterno in più, forse sperando in un aiuto inaspettato.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur