Maturità 2021, cosa dovrà contenere il documento del 15 maggio [VIDEO]

Stampa

In attesa delle ordinanze sull’esame di Stato, inviate al CSPI nella giornata del 22 febbraio, emergono già diversi particolari sulla prossima maturità 2021. Sappiamo che le prove si svolgeranno a partire dal prossimo 16 giugno e che ci sarà una prova orale che avrà avvio da un elaborato che gli studenti avranno consegnato entro il 31 maggio.

Il contenuto di tale elaborato sarà espresso nel documento del 15 maggio.

Nel dettaglio, in base a quanto si apprende, entro il 15 maggio 2021 il consiglio di classe dovrà infatti elaborare un documento che esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che lo stesso consiglio di classe ritenga utile e significativo ai fini dello svolgimento dell’esame.

Per le discipline coinvolte sono altresì evidenziati gli obiettivi specifici di apprendimento ovvero i risultati di apprendimento oggetto di valutazione specifica per l’insegnamento trasversale di Educazione civica.

Il documento illustra inoltre:

  • l’argomento assegnato a ciascun candidato per la realizzazione dell’elaborato concernente le discipline caratterizzanti oggetto del colloquio 
  • i testi oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Italiano durante il quinto anno che saranno sottoposti ai candidati nel corso del colloquio 
  • per i corsi di studio che lo prevedano, le modalità con le quali l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera è stato attivato con metodologia CLIL.

 

Inoltre, nella redazione del documento i consigli di classe tengono conto delle indicazioni fornite dal Garante per la protezione dei dati personali con nota del 21 marzo 2017, prot. 10719.

Maturità 2021, prime indicazioni [FAQ e VIDEO]

Al documento possono essere allegati atti e certificazioni relativi alle prove effettuate e alle iniziative realizzate durante l’anno in preparazione dell’esame di Stato, ai PCTO, agli stage e ai tirocini eventualmente effettuati, alle attività, i percorsi e i progetti svolti nell’ambito del previgente insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”, nonché alla partecipazione studentesca ai sensi dello Statuto.

Per quanto riguarda le classi articolate e per i corsi destinati a studenti provenienti da più classi, il documento del consiglio di classe è comprensivo della documentazione relativa ai gruppi componenti.

Il documento del consiglio di classe è immediatamente pubblicato all’albo on-line dell’istituzione scolastica. La commissione si attiene ai contenuti del documento nell’espletamento della prova di esame. 

L’ordinanza fornirà informazioni anche per quanto riguarda le Province autonome di Trento e Bolzano. In questo caso il documento del consiglio di classe, predisposto direttamente dall’istituzione formativa, fa riferimento, in particolare, ai contenuti, ai metodi, ai mezzi, agli spazi e ai tempi del percorso formativo, nonché ai criteri, agli strumenti di valutazione adottati e agli obiettivi raggiunti ai fini dell’accertamento delle conoscenze, competenze e capacità, con specifico riferimento al colloquio.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur