Maturità 2021, colloquio e lavori commissione in video conferenza. Ecco quando

WhatsApp
Telegram

Esame di Stato di II grado a.s. 2020/21, svolgimento in videoconferenza a livello di singolo alunno e/o commissario e di istituzione scolastica, a livello regionale e nazionale. Quando è previsto.

Esame 2020/21

L’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione a.s. 2020/21, a causa dell’emergenza epidemiologica, si svolge con prove, requisiti di ammissione e valutazione finale in deroga a quanto previsto dal D.lgs. 62/2017 ed è disciplinato, solo per il corrente anno scolastico, dall’OM n. 53 del 3 marzo 2021, emanata ai sensi della legge n. 178/2020 e della legge n. 41/2020.

L’esame consiste in una sola prova orale.

Il voto finale è espresso in centesimi ed è il risultato della somma dei punteggi attribuiti al colloquio (ossia la prova d’esame) – per un massimo di 40 punti – e di quelli acquisiti per il credito scolastico – per un massimo di 60 punti. L’esame è superato conseguendo il punteggio minimo di sessanta centesimi (60/100).

L’esame, come lo scorso anno scolastico, si svolge in presenza, tuttavia potrebbe svolgersi a distanza nei casi di seguito illustrati.

Esame in video conferenza

L’OM 53/21 dedica gli articoli 8, 20 (studenti con disabilità), 26 e 31 alla possibilità che l’esame si svolga in modalità telematica a distanza a livello di singolo alunno e/o commissario, a livello di singola scuola, a livello regionale e nazionale.

Esame in video conferenza candidati degenti in ospedale o luoghi di cura

Svolgono l’esame in video conferenza i candidati:

  • degenti in ospedale o in luoghi di cura;
  • detenuti o comunque impossibilitati a lasciare il proprio domicilio nel periodo dell’esame.

Tali candidati, al fine di svolgere l’esame a distanza, inoltrano al dirigente scolastico, prima dell’insediamento della commissione o, successivamente, al presidente della commissione motivata richiesta di effettuazione del colloquio fuori dalla sede scolastica. La richiesta va corredata di idonea documentazione.

Il dirigente scolastico o il presidente della commissione, ricevuta e vagliata la richiesta, dispone la modalità d’esame in videoconferenza.

Esame in video conferenza candidati con disabilità 

L’esame in video conferenza può essere svolto anche dai candidati con disabilità, nel caso in cui il colloquio in presenza, anche in seguito all’applicazione di eventuali misure sanitarie di sicurezza, risulti inopportuno o di difficile attuazione.

Spetta al consiglio della classe in cui è inserito lo studente con disabilità, sentita la famiglia e acquisiti i necessari elementi, stabilire se lo stesso (studente) debba svolgere o meno l’esame a distanza, in ragione del PEI.

In caso di esigenze sopravvenute dopo l’insediamento della commissione con la riunione plenaria, lo svolgimento dell’esame in video conferenza per lo studente con disabilità è disposto dal presidente della commissione, sentita la sottocommissione.

Esame in video conferenza commissari

Partecipano all’esame a distanza:

  • i commissari che siano impossibilitati a seguire i lavori in presenza, inclusa la prova d’esame, a seguito di specifiche disposizioni sanitarie connesse all’emergenza epidemiologica.

In tal caso, il presidente della commissione dispone la partecipazione all’esame dei commissari interessati in videoconferenza.

Esame in video conferenza a livello di singola scuola

L’esame può svolgersi in video conferenza anche a livello di singola scuola:

  • nel caso in cui il dirigente scolastico (prima della sessione d’esame) o (successivamente) il presidente di commissione ravvisi l’impossibilità di applicare le eventuali misure di sicurezza stabilite, in conseguenza dell’evoluzione della situazione epidemiologica e delle disposizioni ad essa correlate, da specifici protocolli nazionali di sicurezza per la scuola. In tal caso, il dirigente scolastico o il presidente di commissione comunica la situazione all’USR competente per territorio, che assumerà le conseguenti decisioni.

Esame in video conferenza a livello regionale

L’USR competente per territorio, in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica e alle disposizioni ad essa correlate, con riferimento alle specifiche situazioni territoriali, può disporre lo svolgimento dell’esame in modalità telematica nella regione di pertinenza.

Esame in video conferenza a livello nazionale

L’esame può svolgersi in video conferenza a livello nazionale (quindi a distanza per tutti: sia i lavori della commissione che la prova orale):

  •  nel solo caso in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo richiedano.

Esame in video conferenza sezioni carcerarie

L’esame in videoconferenza è utilizzato anche per gli esami di Stato delle sezioni carcerarie, qualora risulti impossibile svolgere l’esame in presenza.

Maturità 2021: commissione interna, documento del 15 maggio, maxiorale. Guide, normativa, consulenza, video [SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur