Maturità 2021, c’è chi dice no a rendere pubblici gli esiti: in Piemonte vietato comunicare ai giornali i nomi degli studenti maturati

WhatsApp
Telegram

Sembra esserci una stretta, specie in alcuni territori del Piemonte, per quanto riguarda la pubblicazione degli esiti degli esami di Stato di secondo grado: fra privacy e rischio assembramenti molte scuole rendono tutto top-secret.

Un paio di giorni fa, si legge su La Stampa, gli istituti della provincia hanno ricevuto l’ordine di non divulgare i voti e di pubblicarli unicamente sul registro elettronico, a cui hanno accesso solo gli studenti e le loro famiglie. “Sono dati che non possiamo più fornire”, rispondono a ripetizione le scuole nelle ultime ore, spiazzando i cronisti. Si tratta di una circolare dell’USR.

C’è proprio un riserbo. Un divieto totale a rivelare i nomi anche dei centisti. L’indicazione è arrivata ai presidenti di commissione (71 in provincia) nella giornata di martedì scorso.

E anche chi aveva già pubblicato i primi tabelloni ha dovuto in fretta e furia fare retromarcia e rimuoverli. “Mi è capitato con una classe e mi sono adeguato, come è mio dovere fare”, spiega a La Stampa Roberto Grenna, preside del Saluzzo Plana di Alessandria e presidente di commissione al Parodi di Acqui.

Insomma, in alcuni territori del Piemonte si è deciso di agire in tal senso per non correre nessun rischio dovuto alla privacy o alle norme anti-covid. E i giornali e i siti online che da anni portano avanti iniziative di celebrazioni degli studenti freschi di maturità dovranno farsene una ragione.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO