Maturità 2021, Azzolina: “Esame sarà serio, gli studenti chiedono che si faccia come l’anno scorso”

Stampa

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è intervenuta alla trasmissione di Rai 3, Agorà, per parlare dell’attualità scolastica e della gestione dell’emergenza Covid-19.

Sui potenziamenti degli apprendimenti, la ministra afferma: “I recuperi o meglio i potenziamenti  dell’apprendimento si stanno già facendo e se ne faranno ancora di più perché non possiamo aspettare giugno e pensare solo di allungare l’anno scolastico. Adesso bisogna recuperare le situazioni che oggi
sono ancora recuperabili e che non è detto che a giugno possano esserlo. Ho chiesto altri soldi per i ristori formativi per potenziare i corsi di recupero e per dare ulteriore sostengo psicologico agli studenti, alle famiglie e anche al personale scolastico”.

Attività di recupero, ecco cosa si prevede per scuole primarie e secondarie. Se il governo cade tutto a rischio

Sull’esame di Stato, invece, ribadisce: “Nel giro di pochi giorni decideremo, daremo risposte agli studenti che hanno bisogno di certezze. La  decisione non sarà presa in solitudine, stiamo ascoltando tutti,  famiglie, sindacati, docenti e studenti. Loro vorrebbero un esame  serio ma che sia simile, se non uguale a quello dell’anno scorso. Questo è l’orientamento. Nelle prossime ore decideremo”.

Maturità 2021, poche novità rispetto all’anno scorso: verso la conferma del maxi orale

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur