Maturità 2020: solo colloquio ma senza stravolgimenti, a breve l’ordinanza

Stampa

L’esame di Maturità 2020 inizierà il 17 giugno per 480.000 studenti delle scuole superiori.

Maturità straordinaria per via della pandemia: non avrà prove scritte e sarà svolta in presenza sì, a piccoli gruppi, ma a distanza di sicurezza.

Riguardo al colloquio, il sottosegretario Ascani ha anticipato che non ci saranno stravolgimenti rispetto alla conduzione e che nelle prossime ore sarà pubblicata la seconda ordinanza con tutte le disposizioni, mai così attese.

Il ministro Azzolina, che ha firmato l’ordinanza per la formazione delle commissioni il 18 aprile scorso, ha avuto l’ok del comitato tecnico-scientifico per l’esame in presenza.

Le commissioni, scelte dai consigli di classe entro il 30 aprile, saranno formate da tutti membri interni. Gli USR invece sceglieranno i presidenti di commissione esterni: il periodo di invio delle disponibilità inizierà mercoledì 29 aprile con le domande su Istanze on Line.
Tra i membri della commissione sarà obbligatoria la scelta dei commissari di italiano e delle materie della seconda prova, pubblicate lo scorso 30 gennaio.

Si attende la griglia di valutazione del Ministero per ricalibrare i punteggi, che adesso andranno divisi tra colloquio e credito scolastico e formativo.

I PCTO per quest’anno non sono obbligatori per l’ammissione, ma il colloquio potrà sempre partire con una breve esposizione delle esperienze fatte negli anni precedenti.

Anche la partecipazione alla prova Invalsi non è requisito di accesso all’esame. Tuttavia sospendere la rilevazione, secondo l’istituto, è una decisione politica “Le prove per il livello 13 non hanno una previsione del periodo, per cui aspettiamo una decisione del ministero perche’ sospendere per quest’anno le prove e’ una decisione politica“.”

Tutti i candidati saranno ammessi, l’anno scorso furono il 96, 1% ad ottenere l’ammissione.

I voti saranno differenziati dai docenti del consiglio di classe, che potranno esaminare e premiare i più bravi sulla valutazione delle conoscenze e competenze acquisite in questo straordinario anno scolastico, composto da un primo periodo in classe e da un secondo reclusi in casa, ma connessi  ai docenti in formazione a distanza.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur