Maturità 2020, come si svolge nei Licei Musicali. Prova strumentale max dieci minuti

WhatsApp
Telegram

Analizziamo le differenze in merito alle modalità di svolgimento degli Esami di Stato nei Licei musicali prima e durante il Coronavirus

Antecedentemente all’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19, le modalità di svolgimento degli Esami di Stato nei Licei musicali erano regolamentate dall’art.17 del Decreto Legislativo 62/2017:

Due prove a carattere nazionale e un colloquio

  • prima prova, in forma scritta, accerta la padronanza della lingua italiana
  • seconda prova, compositivo/esecutiva musicale (le materie di indirizzo sono Teoria, analisi e composizione, comunemente definita TAC, e Tecnologie musicali); quest’anno è stata scelta dal M.I., in base al D.M. 30 gennaio 2020, TAC
  • colloquio orale con la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale della studentessa o dello studente (abbrev. PECUP)

Nello specifico, la seconda prova prima del Coronavirus, era articolata in due parti (Quadro di riferimento per la redazione e lo svolgimento della seconda prova scritta dell’esame di Stato)

  • la prima a carattere analitico-compositivo-progettuale, durata max 6 ore (a scelta tra analisi di un pezzo musicale o composizione di un brano originale)
  • la seconda di natura performativa, durata max 20 minuti, da espletarsi il giorno successivo alla prima parte sopracitata (consiste nel dimostrare, mediante il proprio strumento o il canto, le competenze esecutivo-interpretative acquisite nel percorso quinquennale di studi)

Esame di Stato 2020

Cosa è cambiato in seguito alle nuove direttive del M.I. durante l’emergenza da COVID-19

Nell’ Ordinanza concernente gli esami di Stato nel secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020, il M.I. ha definito l’organizzazione e le modalità di svolgimento degli esami di Stato nel secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020 ai sensi dell’articolo 1, comma 1 e 4 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22.

All’articolo 16: “Le prove d’esame di cui all’articolo 17 del D.lgs 62/2017 sono sostituite da un colloquio, che ha la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale dello studente”

Nel successivo articolo 17, viene specificato come l’elaborato presentato dallo studente debba integrare le discipline di indirizzo individuate dal M.I. tramite Decreto materie; nel caso dei Licei musicali, come già detto prima, la disciplina di indirizzo quest’anno è TAC, teoria analisi e composizione; l’elaborato deve essere trasmesso dal candidato ai docenti delle discipline di indirizzo per posta elettronica entro il 13 giugno 2020.

Alcuni dubbi erano sorti negli ambienti scolastici sull’esecuzione o meno quest’anno, da parte dello studente (con il proprio strumento musicale) della prova di carattere performativo. L’articolo 17 (dell’Ordinanza Ministeriale in data 16 Maggio 2020), toglie ogni controversia in merito:

“Per gli studenti dei licei musicali e coreutici, la discussione è integrata da una parte performativa individuale, a scelta del candidato, della durata massima di 10 minuti”

Si presuppone dunque che il colloquio con l’annessa discussione dell’elaborato durerà circa 50 minuti, a cui verrà aggiunta la performance strumentale del candidato della durata di 10 minuti. È infatti a carico della Commissione articolare la durata delle fasi del colloquio per un complessivo di 60 minuti.

Esami di Stato II grado 2020, tutte le info

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia