Maturità 2019, si svolga con vecchie regole. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Mario Bocola – Per il corrente anno scolastico è meglio far svolgere agli studenti l’Esame di Maturità secondo le vecchie regole, onde evitare confusioni.

La prova mista prevista dalla nuova formula dell’Esame di Stato potrebbe benissimo slittare di un anno e farlo partire con razionalità. Cambiarlo ad anno scolastico avviato ci sembra fuorviante e tutta questa fretta a modificarlo a tutti i costi non trova una razionale giustificazione.

Le riforme vanno fatte piano ponderando attentamente le ricadute che si avranno sugli alunni e ancor di più sui docenti che devono far capire agli studenti come funzionerebbe la nuova formula dell’Esame di Maturità.

Si chiede, pertanto, al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, di fare un “passo indietro” sull’Esame di Stato 2019 facendolo svolgere secondo le vecchie regole e di spostare all’anno scolastico 2019/2020 l’avvio della nuova formula che prevede la prova mista per il secondo scritto.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione