Maturità 2019, possibili novità requisiti nomina Commissari esterni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il nuovo esame di Stato per la secondaria di II grado presenterà, da giugno 2019, numerose novità sia per gli studenti che per i docenti. 

Composizione commissioni d’esame

Non vi sono novità per quanto concerne la struttura (3+3+1).

Tre saranno gli insegnanti interni, tre gli esterni e uno come al solito il Presidente.

Novità sono invece previste per i criteri di nomina e per i requisiti (art. 16 commi 4 e 5 del Decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 62.

I commissari e il presidente sono nominati dall’USR sulla base di criteri determinati a livello nazionale con decreto del Ministro.

Presso l’USR è istituito l’elenco dei presidenti di commissione, cui possono accedere dirigenti scolastici, nonché docenti della scuola secondaria di secondo grado, in possesso di requisiti definiti a livello nazionale
dal MIUR, che assicura specifiche azioni formative per il corretto svolgimento della funzione di presidente.

La pubblicazione dell’Ordinanza Ministeriale su modalità di svolgimento
dell’esame e funzionamento delle Commissioni è prevista per febbraio 2019.

Attendiamo quindi eventuali novità sui criteri di nomina. Va rilevato infatti che l’annuale ordinanza sulla composizione delle Commissioni d’esame ha sempre presentato delle imperfezioni e delle mancanze che hanno reso difficoltosa la gestione delle nomine.

L’iter del decreto ha visto già il passaggio con il Capo Dipartimento e il Capo di Gabinetto e dopo l’informativa sindacale passerà al vaglio del CSPI per il previsto parere.

Maturità 2018/19: ammissione, credito, prove, quadri di riferimento,voto finale. Lo speciale

Versione stampabile
anief banner
soloformazione