Maturità 2019, l’esame degli alunni con BES non certificati. Risposta Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Maturità 2019, prosegue l’opera di informativa del Miur sulle modalità dell’esame, in particolare per il Colloquio. 

Le indicazioni fornite dal Miur

Materiali e criteri per le buste

Indicazioni candidati con disabilità e con DSA

In quali giorni la Commissione prepara i materiali delle buste. Leggi tutto

Il Colloquio non è una somma di interrogazioni. Indicazioni Miur

Bes  non certificati: misure compensative. Leggi tutto

Voto del Colloquio: non c’è la soglia di sufficienza [GUIDA]

Il Colloquio dura 50-60 minuti. Contenuto delle buste non deve essere divulgato. Indicazioni Miur

Studenti con disabilità: prove in coerenza con il PEI. Leggi tutto

Esame dei candidati con BES non certificati

Per le situazioni di studenti con Bisogni Educativi Speciali (BES), formalmente individuati dal Consiglio di Classe, nel documento del 15 maggio devono essere fornite alle Commissione tutte le utili e opportune indicazioni per consentire a tali allievi di sostenere adeguatamente l’Esame di Stato.

La Commissione, da canto suo, esaminati gli elementi forniti dal Consiglio di Casse, tiene in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive.

Il Consiglio di classe deve fornire il Piano Didattico Personalizzato predisposto.

In ogni caso per lo svolgimento degli Esami per tali studenti non è prevista alcuna misura dispensativa ma è possibile concedere strumenti compensativi, in analogia a quanto previsto per gli studenti con DSA. Questo può avvenire solo se tali strumenti compensativi sono già impiegati per le verifiche nel corso dell’anno scolastico o comunque vengano ritenuti funzionali allo svolgimento dell’esame senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte.

Le indicazioni del Miur

Maturità 2019: tutto su documento 15 maggio, prove, colloquio, commissioni e compensi. Lo speciale

Versione stampabile
anief banner
soloformazione