Maturità 2019, Colloquio, Bruschi: proposta griglia di valutazione Licei

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Maturità 2019, proponiamo la griglia di valutazione proposta dall’Ispettore Max Bruschi per la valutazione del Colloquio. 

Ricordiamo che il colloquio

  • dura  max 50 – 60 minuti (compresa la visione delle prove scritte)
  • si svolge in un’unica soluzione temporale, alla presenza dell’intera commissione
  • prende avvio dai materiali (testi, documenti, esperienze, progetti…) scelti dalla commissione  per poi svilupparsi in una più ampia e distesa trattazione di carattere pluridisciplinare che possa esplicitare al meglio il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale dello studente.

Le quattro parti del Colloquio

1) l’avvio dai materiali e la  successiva trattazione di carattere pluridisciplinare (buste)
2) l’esposizione, attraverso una breve relazione e/o elaborato multimediale, dell’esperienza svolta relativamente ai percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento;
3) l’accertamento delle conoscenze e competenze maturate nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione”;
4) la discussione delle prove scritte

La valutazione del Colloquio

Esempio di griglia di valutazione del Colloquio per i Licei

L’ispettore Bruschi ci spiega il percorso seguito per la predisposizione della griglia.

“Primo, la trasversalità della prova orale può trovare un suo ancoraggio nei risultati di apprendimento previsti dagli ordinamenti didattici dei licei.

Secondo, la natura dei risultati di apprendimento, di per sé trasversali, è tale da suggerire di non “ingabbiarli” (per così dire) in una parcellizzazione delle prove. Sono, in effetti, desumibili dalle varie parti del colloquio.

Terzo, sarebbe fuorviante pretendere di trovarli “tutti” o, men che meno, “esigerli”. Da qui l’opportunità di “spuntare” i risultati di apprendimento che emergono nel corso delle prove e conseguentemente di valutarli. Infine (quarto), ipotizzo di non “pesare” i vari risultati di apprendimento, perché anche negli ordinamenti sono tutti sullo stesso piano. Per cui, alla fine “si fa la media”. ”

Scarica la griglia di valutazione

Versione stampabile
anief banner
soloformazione