Maturità 2019, Bussetti: no domande “astruse” dentro buste colloquio, ma spunti già oggetto di studio

Stampa

Il Ministro Bussetti, tramite un post su FB, interviene ancora sul colloquio degli esami di Maturità, al fine di tranquillizzare gli studenti.

Bussetti evidenzia che dentro le buste non ci saranno domande “astruse” ma spunti già affrontati nel corso dell’anno scolastico:

Per la prova orale, grazie alle buste, il meccanismo è più semplice e trasparente. Rassicuriamo i maturandi: dentro non ci saranno domande “astruse”, ma spunti già oggetto di studio durante l’anno!
Nessuna richiesta “fuori programma”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur