Maturità 2019, alternanza scuola-lavoro incide su attribuzione credito scolastico. Ecco come

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il D.lgs. 62/2017 ha riformato l’esame di Maturità introducendo diverse novità, tra le quali quella riguardante il credito scolastico.

Vediamo in questa scheda come avviene l’attribuzione del credito e l’incidenza, nell’assegnazione del medesimo, dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (ex Alternanza scuola-lavoro).

Credito scolastico: quanti punti

Il punteggio massimo conseguibile negli ultimi tre anni passa da 25 a 40 punti, attribuendo così un maggior peso, nell’ambito dell’esame, al percorso scolastico.

I 40 punti sono così distribuiti:

  • max 12 punti per il terzo anno;
  • max 13 punti per il quarto anno;
  • max 15 punti per il quinto anno.

Attribuzione credito scolastico

L’attribuzione del credito scolastico è effettuata dal consiglio di classe, compresi i docenti che impartiscono insegnamenti a tutti gli alunni o a gruppi di essi, compresi gli insegnanti di religione cattolica e di attività alternative alla medesima, limitatamente agli studenti che si avvalgono di tali insegnamenti.

L’attribuzione del credito avviene sulla base della tabella A (allegata al Decreto 62/17), che riporta la corrispondenza tra la media dei voti conseguiti dagli studenti negli scrutini finali per ciascun anno di corso e la fascia di attribuzione del credito scolastico.

Qui la tabella A

Attribuzione credito: conversione vecchi crediti

Il D.lgs. n.62/17, considerato che i nuovi punteggi entrano in vigore nel 2018/19 e che l’attribuzione del credito riguarda gli ultimi tre anni di corso, dispone la conversione del credito attribuito negli anni precedenti (classi III e classi III e IV), distinguendo tra chi sosterrà l’esame nel 2018/19 e chi lo sosterrà nel 2019/2020:

  • chi affronterà l’esame nel corrente anno scolastico avrà il credito “vecchio” del III e IV anno da convertire, nuovo per il quinto;
  • chi affronterà l’esame nel 2019/20 avrà il credito “vecchio” del III anno da convertire, nuovo per il quarto e il quinto.

Qui la tabella di conversione per chi sostiene l’esame nel 2018/19 – crediti conseguiti nel III e IV anno

Qui la tabella di conversione per chi sostiene l’esame nel 2019/20 – crediti conseguiti nel III anno

Attribuzione credito scolastico: percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Come si evince dalla Tabella A, l’attribuzione del credito avviene in base alla media dei voti conseguiti dagli studenti negli scrutini finali, cui corrisponde una determinata la fascia di attribuzione del credito scolastico.

I percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento incidono sull’attribuzione del credito, come leggiamo anche nell’PM n. 205/2019:

Gli eventuali percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, previsti dal d.lgs. 15 aprile 2005, n. 77, e così ridenominati dall’art. 1, co. 784, della legge 30 dicembre 2018, n. 145) concorrono alla valutazione delle discipline alle quali tali percorsi afferiscono e a quella del comportamento, e contribuiscono alla definizione del credito scolastico.

I suddetti percorsi, dunque, concorrono alla valutazione delle discipline, alle quali gli stessi afferiscono e a quella del comportamento. Conseguentemente, considerato che il credito scolastico è attribuito in base alla media dei voti, anche i percorsi per le competenze traversali e per l’orientamento contribuiscono all’attribuzione del stesso (credito).

Maturità 2019, prima prova il 19 giugno. Indicazioni per il colloquio. Ordinanza Miur

Versione stampabile
anief banner
soloformazione