Maturità 2019, abolito il tema di storia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Avevamo affrontato nei giorni scorsi le problematiche derivanti dal taglio alle ore di storia nei nuovi Istituti professionali al debutto da quest’anno.

Un’altra notizia sulla storia arriva dalle indicazioni per la nuova maturità 2019.

La prova di Italiano cambia

Notevoli le novità. Le tipologie proposte saranno tre e non più quattro. Quella eliminata è la traccia di argomento storico. L’ambito storico rimane solo nel testo di tipo argomentativo (tipologia B), come già era presente nel saggio breve. Tutte le novità sulla prova di Italiano

Le difficoltà del tema storico

La traccia sul tema storico veniva scelta ogni anno da un numero esiguo di studenti.

Nei dieci esami di Stato dal 2008 al 2017  ben otto volte il tema storico è stato praticamente ignorato.Facendo una media complessiva, solamente il 3% dei maturandi ci si è cimentato. Il record negativo? Anno 2010: traccia sulle ‘Foibe’. È lei l’opzione meno scelta tra le settanta esaminate (tra analisi del testo, saggi brevi, temi di storia e d’attualità): ha provato a svolgerla meno di 1 su 100, lo 0,6%. (fonte SKuola.net)

Studenti allergici alla storia?

In parte sì, ma la realtà è che le tracce di storia hanno sempre proposto argomenti relativi alla seconda metà del Novecento, spesso non affrontati in classe per mancanza di tempo te comunque con documenti di difficile interpretazione, spesso non alla portata degli studenti.

Da questo punto di vista, nelle aule scolastiche forse non si rimpiangerà così tanto la scomparsa della traccia di argomento storico dalle prove degli Esami di Stato. Vero è invece che lo studio della storia è imprescindibile per la formazione dell’identità e della coscienza civica.

Maturità 2019, si cambia: due prove scritte invece di tre

Versione stampabile
anief
soloformazione