Maturità 2017, un candidato su tre teme la seconda prova

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Skuola.net – La Maturità, si sa, scatena ansie e timori. Ma ci sono delle prove in particolare che proprio non piacciono. Anzi, che sono temutissime. È il caso del secondo scritto, quello d’indirizzo, che negli ultimi anni sta diventando sempre più l’incubo dei maturandi. A dirlo una web survey di Skuola.net su 1200 maturandi che, alla vigilia della maturità 2017, ha voluto tastare il polso degli studenti per verificarne lo stato d’ansia.

Praticamente 1 ragazzo su 3 – il 33% – ha indicato proprio la seconda prova come la più difficile da affrontare. A sorpresa, però, i più impauriti non sono i maturandi del liceo scientifico (la matematica della maturità è storicamente materia ostica) ma quelli degli istituti tecnici; ma anche loro in seconda prova avranno molto a che fare con i numeri. Un dato che segna una discontinuità con il passato, visto che fino allo scorso anno al primo posto tra le prove più toste gli studenti mettevano l’orale. Oggi, invece, il colloquio si piazza al secondo posto (con il 29% dei voti). Abbastanza temuta, nella mente dei maturandi, anche la terza prova: è lei il vero ostacolo per il 25% degli intervistati.

Si vede che i ragazzi hanno iniziato a fare tesoro dell’esperienza di chi li ha preceduti. Basta leggere le statistiche sulla maturità 2016 per confermare i loro cattivi presagi. Facendo la media dei punteggi ottenuti nelle varie prove da tutti gli studenti di tutti gli indirizzi, il rendimento più basso si registra proprio nella seconda prova (11,2 punti su 15). Meglio, ma veramente di poco, sia la terza che la prima prova (rispettivamente 11,4 e 11,8 punti). Timori infondati, invece, quelli sull’orale visto che in media i maturandi hanno preso 24,1 punti sui 30 a disposizione.

E in effetti, spostando leggermente il punto d’osservazione, non sempre le prove più temute sono quelle in cui gli studenti prevedono di prendere i voti peggiori. E, allora, tutto torna: in cima troviamo ancora una volta la seconda prova che, però, viene appaiata dal quiz di terza prova (entrambe al 35%). Prevedibile: le incognite sono maggiori. La conseguenza è che, il colloquio, scivola indietro (10%). Perché, dati alla mano, è questo il passaggio più facile di tutto l’esame.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare