Maturità 2016: esame inutile e troppo costoso. Promossi alunni che non sanno l’Italiano e la Matematica

di Lucrezia Di Dio
ipsef

Gli alunni non sanno l’Italiano,ma le competenze sono scarse anche in matematica e inglese. Nonostante questo all’esame di maturità sono stati tutti promossi.

Gli alunni non sanno l’Italiano,ma le competenze sono scarse anche in matematica e inglese. Nonostante questo all’esame di maturità sono stati tutti promossi.

Questa la denuncia dei dirigenti dell’Usr dell’Emilia Romagna che evidenziano la poca efficacia dell’esame di Stato, un esame altamente dispendioso che poco misura le reali competenze degli studenti.

I quattro dirigenti dell’Usr Emilia Romagna evidenziano quanto il voto d’esame rispecchi quello di ammissione dei consigli di classe anche se rimane il sospetto che il voto conclusivo poco rispecchi le reali competenze degli studenti al punto che si è aperto un grande dibattito sull’utilità del voto finale per l’accesso alle Università che in sostanza non si fidano dei giudizi espressi dalla commissioni di esame e dalle scuole superiore in genere.




I quattro dirigenti fanno notare quanto l’esame di maturità non misura le competenze ma solo specifiche conoscenze disciplinari e, aggiungono, “i diplomati che non sanno scrivere e parlare in un italiano corretto sono ancora troppi, i ragazzi che noi diplomiamo hanno spesso significativi deficit di capacità comunicativa in inglese e siamo ancora indietro nella cultura diffusa matematica e scientifica”.

La spesa che l’esame di Stato comporta è oggettivamente troppo alta, continuano i dirigenti, con un costo per commissione di oltre 10mila euro per una spesa complessiva di circa 130milioni annui a cui si devono aggiungere le spese di trasferta. “ È doveroso domandarsi se sono soldi spesi bene, pensando che l’esame di Stato al termine del primo ciclo di istruzione avviene senza alcuna spesa di personale” si chiedono i dirigenti dell’Usr Emilia Romagna.

Versione stampabile
anief
soloformazione