Maturità 2015: rimangono i commissari esterni

WhatsApp
Telegram

IlSole24Ore anticipa il contenuto del testo della Legge di Stabilità 2015, "bollinato" dalla Ragioneria di Stato per essere inviato al Quirinale. Sarebbe stata stralciata la norma relativa agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado con insegnanti commissari solo interni e unico esterno il Presidente.

Forza Italia: presenteremo emendamentoGilda: dietrofont buona notizia – 

IlSole24Ore anticipa il contenuto del testo della Legge di Stabilità 2015, "bollinato" dalla Ragioneria di Stato per essere inviato al Quirinale. Sarebbe stata stralciata la norma relativa agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado con insegnanti commissari solo interni e unico esterno il Presidente.

Forza Italia: presenteremo emendamentoGilda: dietrofont buona notizia – 

Una norma che nella prima versione del testo (vedi Legge di Stabilità. Esami di maturità 2015: nessun compenso per i commissari interni) aveva portato a prevedere un risparmio di spesa di ben 147 milioni a partie dall'a.s. 2015, ma che era stata ampiamente contestata da tutto il mondo della scuola, che al di là dei numeri dell'economia, deve avere presenti anche finalità educative e formative.

Il nuovo testo non è ancora disponibile, ma il Sole24Ore – che molto probabilmente il testo lo ha letto – dice che "Si rimarrà quindi alle norme attuali", e dunque la commissione mista.

Sempre il Sole24Ore: "La modifica alle commissioni di maturità (con commissari tutti interni) potrebbe però essere riproposta in sede di attuazione della Buona Scuola"

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 150mila

Questo, se dovesse accadere, sarebbe contraddittorio rispetto al senso del documento stesso. Un documento aperto, quello de La Buona Scuola, presentato dal Governo il 3 settembre e sottoposto ad ampia consultazione tra i 15 settembre e il 15 novembre.

La norma sulla modifica degli Esami di Stato, come più volte affermato dal Ministro Giannini, non era stata inserita nel documento in quanto non strutturale, non conforme a ciò di cui si occupa il documento stesso. Dunque, far rientrare in quel documento una modifica così importante, significherebbe svuotare di significato il senso stesso del documento. Vogliamo sperare che Governo e Ministero non si spingano a tanto.

La rivista on line non spiega neanche su quale altro capitolo di spesa sarebbero andate a gravare le economie che in un primo tempo sarebbero dovute derivare dalla modifica degli Esami di Stato, e questo è forse il nodo centrale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur