Matteo, se non affronti con determinazione i problemi della scuola, sei destinato a perdere. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

inviata da Adolfo Valguarnera – “Matteo, fermati un minuto! Solo un minuto! Leggi la poesia di Costantino Kavafis “Idi di Marzo”. Sicuramente ne hai una copia in casa; la reperirai facilmente. Leggila con tua moglie, che di Scuola ne sa un po’ di più di qualche esperto. Capirai, spero!”.

Testo poesia
Idi di marzo di Costantino Kavafis

“Le grandezze paventa,
anima. Le ambizioni, se vincerle non puoi,
secondale, ma sempre cautelosa, esitante.
Quanto più in alto sali,
tanto più scruta, e bada.
E quando all’acme sarai giunto, ormai,
Cesare, quando prenderai figura
d’uomo così famoso, allora bada,
quando cospicuo incedi per via col tuo corteggio:
se mai, di tra la massa, ti s’accosti
un qualche Artemidoro, con uno scritto in mano,
e dica in fretta: «Lèggi questo súbito,
è cosa d’importanza, e ti riguarda»,
allora non mancare di fermarti, non mancare
di differire colloqui e lavori,
di rimuovere i tanti che al saluto
si prostrano (più tardi li vedrai).
Anche il Senato aspetti. E lèggi súbito
il grave scritto che ti reca Artemidoro. ”

Oggi c i avviamo alle elezioni.  Matteo, se non affronti con coerenza e determinazione i problemi della Scuola e degli insegnanti, sei destinato a perdere!

Versione stampabile
anief
soloformazione