Mattarella, “scuola terzo grande investimento. Non sempre riusciamo a garantire giuste competenze ai giovani per affrontare la complessità dei fenomeni globali”

WhatsApp
Telegram

Lungo discorso quello del Presidente Mattarella in chiusura del 2022. Un anno complesso che ha visto l’inizio di una guerra nel cuore dell’Europa, una crisi post pandemica che potrebbe aggravarsi nel 2023. In questo contesto l’immagine che ha dato il Presidente dell’Italia è di uno Stato che ha superato le difficoltà e che “continua a crescere”. Una Italia, comunque, forte, quella disegnata dal Presidente che fa trasparire una visione del futuro tranquilla anche nell’affrontare le nuove emergenze.

Non poteva mancare la scuola tra gli argomenti trattati dal Presidente, che ha definito come “il terzo grande investimento” per il futuro dell’Italia. Scuola, “università e ricerca scientifica“, settori che preparano i protagonisti del mondo di domani.

E’ “ – ha detto Mattarella – che formiamo le ragazze e i ragazzi che dovranno misurarsi con la complessità di quei fenomeni globali che richiederanno competenze adeguate, che oggi non sempre riusciamo a garantire”. Lo dice il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio di fine anno.

Un appello, quindi, ad una maggiore attenzione per il settore, che punti all’innovazione della didattica per quanto riguardi la scuola, attenta a quelle che sono le esigenze del mondo che cambia.

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro