Mattarella chiede di assicurare piena dignità, prestigio e rispetto ai docenti. Anief apprezza ma adesso attende risposte dal nuovo Parlamento e Governo

WhatsApp
Telegram

Bisogna fare in modo di “assicurare piena dignità, prestigio e rispetto” alla scuola e ai docenti: l’ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo a Grugliasco, in provincia di Torino, alla manifestazione per l’inaugurazione dell’anno scolastico. Il sindacato si trova d’accordo con il Capo dello Stato e ribadisce l’esigenza di dare seguito a questi auspici andando ad agire con celerità per via legislativa.

“Caro Presidente – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, rivolgendosi a Mattarella -, concordo con quanto sostiene sugli insegnanti e la ringrazio per le parole di apprezzamento e riconoscenza rivolte al personale scolastico, in nome del popolo italiano. colgo l’occasione per ricordare che lo stesso si aspetta dal nuovo Parlamento e dal nuovo Governo ascolto, rispetto e risposte urgenti. La dignità si tutela partendo proprio dagli stipendi che sono dl ridotti alla fame, dalla lotta alle discriminazioni e alla precarietà che dovranno esser oggetto di mirati interventi del legislatore. Sugli stipendi – conclude Pacifico – bisognerà agire già in autunno andando a sottoscrivere quel rinnovo di contratto di categoria, scaduto da quasi quatto anni, negato in estate”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur