Maternità. La malattia del figlio sospende la fruizione del congedo parentale in godimento

di redazione
ipsef

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Malattia bambino dopo i 3 anni. Chiarimenti

Francesco – Spett.le OrizzonteScuola, “Chiedilo a Lalla”, buongiorno. Sono un’insegnante precario di III fascia con un incarico al 30 giugno 2017 ed avrei da porvi una domanda sulla malattia del bambino dai 3 agli 8 anni. In base alla legge attuale se il bambino ha una età compresa fra i tre e gli otto anni spettano cinque giorni di congedo all’anno per ciascun genitore, da fruire sempre alternativamente.  I suddetti cinque giorni di congedo devono intendersi per ciascun figlio e per anno di vita (non per anno scolastico o solare) e non sono trasferibili all’altro genitore; anche il genitore solo ha diritto semplicemente a cinque giorni annui. Ebbene questi cinque giorni all’anno, nel caso di un contratto pubblico, sono retribuiti ed in che misura? I trenta giorni all’anno per i primi tre anni di vita del bambino nel pubblico sono retribuiti al 100%, dopo i tre anni di vita come funziona? Ho due gemelle di tre anni, già compiuti a giugno 2016, e vorrei capire come procedere. Grazie. Cordiali saluti.

Il congedo di maternità fa maturare il diritto alle ferie (queste verranno rimandate nei giorni di sospensione delle lezioni)

Marzia – Buonasera, sono un’insegnante di ruolo delle Superiori, ho partorito due gemelli il 10 Luglio (data presunta parto 22 Agosto), pertanto l’astensione obbligatoria è coincisa con il canonico periodo di fruizione delle ferie insegnanti. Questi giorni di ferie non goduti possono essere in qualche modo utilizzati nel periodo di congedo facoltativo? Posso rientrare al lavoro a fine lezioni a Giugno per poi riprendere il congedo facoltativo a Settembre? Grazie mille.

Il congedo parentale può essere fruito contemporaneamente dai genitori

Agata   – Salve, leggo spesso quando voi scrivete e siete una risorsa preziosa. Adesso però mi trovo in difficoltà. Io e mio marito siamo dipendenti a tempo determinato personale ata e abbiamo un bimbo di 8 mesi. Lavoriamo in provincia di milano, ma siamo residenti in provincia di catania. Prossima settimana dovremmo fare il richiamo di un vaccino al piccolo e abbiamo entrambi richiesto congedo parentale per gli stessi giorni. La scuola di mio marito si oppone dicendo che non possiamo fruirne contemporaneamente e ha perfino contattato la mia scuola dando questa informazione a mio avviso errata. Come posso fare a dimostrare che ci spetta e non possono negarlo? C’è una specifica normativa per il comparto scuola? Attendo una risposta tempestiva. Grazie mille.

Fruizione contemporanea dei periodi di riposo per allattamento e congedo parentale (tra padre e madre)

Dirigente –  vorrei sapere se è compatibile la contemporanea fruizione dei riposo per allattamento con  il congedo parentale del padre. C’è in proposito una circolare INPS 2002, ma non trovo altra normativa più recente. Grazie per la risposta.

La malattia del figlio sospende la fruizione del congedo parentale in godimento

Amalia –  Salve, sono Amalia, ho un bimbo di 6 mesi e vorrei usufruire del congedo parentale, vorrei un chiarimento riguardo alla retribuzione e alle modalità di come del congedo e della malattia del bimbo.1) il primo mese è retribuito al 100% mentre i restanti  5 al 30%, giusto?2) se durante il congedo il bimbo si ammala o deve sottoporsi a visite di controllo, vaccini, posso interrompere il congedo ed usufruire del certificato medico relativo alla malattia di quei giorni e  poi richiedere il congedo? grazie per la vostra tempestività e chiarezza di sempre! buon lavoro.

Congedo parentale dopo i 6 anni e fino ai 12 del bambino

Amalia – vorrei avere un chiarimento sulle nuove disposizioni riguardo al congedo parentale. Ho un figlio che compirà 7 anni il 26.11.2016 e con lui non ho usufruito del congedo parentale eccetto quello relativo al primo mese al 100%; se dovessi usufruire di altri mesi, prima che compi 7 anni, sarebbero retribuiti al 30% o non mi spetterebbe nulla? Inoltre per mesi si considerano 30 giorni? Grazie per la gentile attenzione.

Nessuna presa di servizio tra il congedo di maternità e il congedo parentale. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, abbiamo una docente di scuola Primaria a tempo indeterminato assegnata per competenza e d’ufficio dall’ambito provinciale n.10 a questo Istituto dal 01/09/2016, fino al 2 settembre era in astensione obbligatoria per il figlio nato il 02/06/2016, dal giorno 3 settembre ha chiesto il congedo parentale per la prima figlia nata il 02/06/2011 (il giorno è lo stesso, una pura coincidenza), non essendo lo stesso figlio l’assunzione in servizio rimane non obbligatoria? Grazie per la collaborazione.

Il congedo parentale è fino al giorno del 12° compleanno del figlio

Piera – Buongiorno Ho una bambina di 12 anni compiuti a marzo 2016, non ho mai chiesto il congedo parentale. Mi dicono che ho diritto al congedo fino al 31/12/2016. Volevo avere conferma. La normativa parla di “diritto al congedo fino al 12 anno di vita del bambino”. Vi ringrazio anticipatamente. Saluti.

La docente collocata in congedo di maternità è ritenuta in effettivo servizio

Laura  – sono una docente di scuola primaria assunta in ruolo il 1 settembre 2015. Ho effettuato l’anno di prova superandolo a giugno con il comitato di valutazione. Ora sono in gravidanza e sono in interdizione per complicanze gravi da metà agosto. Per questo motivo non sono potuta tornare a scuola il 1 settembre 2016. Informandomi, ho capito che tutti devono prendere servizio a settembre eccetto chi è appunto nella mia condizione, quindi esonerata dalla presa di servizio. Scrivo per una conferma perché non vorrei aver capito male. Grazie mille.

I permessi per accertamenti prenatali sono retribuiti e previsti da una specifica disposizione di legge

Marilena  – Buongiorno, sono una docente scuola primaria e scrivo per avere conferma di quanto prevede la normativa in tema di permesso per  visita medica in gravidanza.  Ho chiesto alla mia segreteria un permesso per visita prenatale (1 ora)  e mi sono state date le seguenti opzioni: Prendere 1 giorno di ferie, Prendere un permesso orario da dover recuperare  Io ho letto un vostro articolo che spiega chiaramente come tutte le visite di controllo prenatali siano da considerare permessi retribuiti non soggetti a recupero orario.  Posso gentilmente chiedervi conferma prima di rivolgermi al mio dirigente?  Grazie mille.

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione