Maternità. Allattamento in anno di prova, congedo parentale retribuito per intero. Consulenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Maternità. Allattamento e congedo in anno di prova

Anna – Gentile redazione di orizzonte scuola,  sono una docente a tempo indeterminato di scuola secondaria superiore. Il 1 settembre 2017 sono entrata in ruolo. Sono in gravidanza:  dall’11 settembre al 4 ottobre, sono stata in maternità anticipata per via di un distacco placentare. Dal 4 ottobre in poi sono in maternità obbligatoria. Considerando che la data presunta del parto è il 4 dicembre, quando dovrei rientrare a scuola? Ho diritto a qualche altro mese per l’allattamento? L’anno di prova è rimandato? Grazie per ogni eventuale chiarimento in merito.

 

30 giorni di congedo parentale retribuiti per intero. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Chiedo gentilmente la seguente consulenza: Premesso che, relativamente al congedo parentale, il contratto scuola stabilisce un trattamento più favorevole e quindi i primi trenta giorni, sono retribuiti per intero. L’importante è che siano i “primi” 30 giorni. Un insegnante a tempo determinato, titolare di un contratto per supplenza breve dal 22/10/2017 al 21/12/2017 (gg. 61), richiede congedo parentale per il figlio inferiore ai tre anni di età, dal 25/10/2017 al 23/11/2017 (gg.30). Dichiara di aver già fruito da maggio ad agosto 2016 di mesi quattro di congedo, però durante rapporto di lavoro con azienda privata e quindi retribuito al 30%. quesito: –       I 30 giorni richiesti sono da considerare “i primi trenta” e quindi retribuiti per intero? –       Ai fini del calcolo dei sei mesi fruibili, i quattro già fruiti si cumulano con gli ulteriori trenta giorni?

 

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare