Mascherine scadenti a scuola, Foscolo (Lega): “Inaccettabile. Il Governo faccia chiarezza”

Stampa

La deputata della Lega Foscolo è firmataria di un’interrogazione parlamentare in merito alle mascherine Fca distribuite nelle scuole, dopo le denunce di alcuni dirigenti scolastici e il servizio di Striscia la Notizia.

Inaccettabile che mascherine scadenti possano essere distribuite nelle scuole italiane, ancor più se marchiate da Palazzo Chigi. Un servizio effettuato dalla trasmissione Striscia la Notizia lo scorso 9 dicembre in merito alle mascherine prodotte nello stabilimento Fca di Mirafiori e distribuite nelle scuole italiane con il logo della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha dimostrato, a seguito delle segnalazioni di genitori e famiglie che denunciavano cattivi odori e pessima consistenza dei
dispositivi, che tali mascherine non rispetterebbero i requisiti minimi stabiliti dalla normativa vigente e quindi non dovrebbero essere distribuite come mascherine chirurgiche né al pubblico né tantomeno nelle scuole“.

Così in una nota Sara Foscolo, deputata della Lega, componente della Commissione Affari Sociali della Camera, firmataria dell’interrogazione presentata al Ministro della salute e al Presidente del Consiglio dei ministri.

Non solo: Fca ha precisato che le mascherine prodotte nello stabilimento interessato sono realizzate con macchinari forniti dal Commissario Arcuri e materie stabilite dalle autorità nazionali. Se confermato, sarebbe molto grave: ho presentato un’interrogazione al Ministero della Salute e alla Presidenza del Consiglio, per chiedere se abbiano effettuato le necessarie analisi sulle mascherine destinate ad alunni e studenti e per sollecitare verifiche più attente. Con la salute dei nostri ragazzi non si può e non si deve scherzare: il Governo faccia chiarezza”, conclude.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese