Mascherine in classe confermate, Bianchi dice che il Ministro della Salute detta le regole. Pacifico (Anief): bene, ma allora perché i ragazzi in discoteca le tolgono?

WhatsApp
Telegram

“Il governo è molto cauto e molto prudente: sulle mascherine è il ministro della Salute che detta le regole e poi eventualmente discutiamo, ma bisogna essere attenti. Noi siamo molto cauti, stiamo accompagnando il paese al di fuori di un’emergenza ma siamo molto attenti su tutto”.

A dirlo è stato oggi il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi rispondendo a una domanda sulle mascherine a scuola, a margine del Festival “Parole O_Stili” in corso a Trieste.

Replica Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Siamo d’accordo sulla linea della prudenza, ma sarebbe opportuno che la linea della tutela fosse a trecentosessanta gradi. Mi spiego meglio: come mai dal 1° maggio gli studenti continuano a portare le mascherine in classe di giorno, ma poi le levano in discoteca la notte? Inoltre, come mai si continuano a formare classi di 25-30 alunni in 35 metri quadrati facendo finta che le regole sulla sicurezza non esistano e la pandemia è solo un ricordo?”.

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO VIII CICLO: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove