Mascherine a scuola, non sono dannose per la salute psicofisica e mentale dei bambini. Lo dice il Garante dei minori Emilia Romagna

Stampa

La Garante dei Minori dell’Emilia Romagna ha scritto alla società pediatri per capire gli eventuali danni della mascherina a scuola per i bambini.

Portare per tante ore la mascherina a scuola può incidere sulla salute fisica e mentale dei bambini? Sono le preoccupazioni che i genitori hanno riversato sulla Garante regionale dei minori in Emilia-Romagna, Clede Maria Garavini, che ha cosi deciso di rispondere scrivendo una lettera aperta alle famiglie degli alunni. 

Non ci sarebbero ancora dati scientifici che dimostrino effetti dannosi” delle mascherine, ci tiene prima di tutto a precisare la Garante nella lettera, aggiungendo però di aver sollecitato l’intervento del Governo, degli enti locali e del Garante nazionale, oltre ad aver chiesto un parere alla Società italiana di pediatria dell’Emilia-Romagna. 

Allo stato attuale le uniche armi a nostra disposizione efficaci nella prevenzione della diffusione del contagio sono proprio le mascherine e il distanziamento, non solo tra bambini ma anche tra anziani e adulti– è stata la risposta dei pediatri- nessun dato scientifico dimostrerebbe un effetto dannoso a livello psicologico, al contrario del periodo di lockdown della scorsa primavera“. Nessun rischio, dunque da questo punto di vista.

La Garante Garavini ribadisce, insieme ad altri Garanti regionali, la richiesta di “maggiore attenzione, impegno e risorse” verso i minori e di un Piano straordinario per l’infanzia e l’adolescenza. 

I Garanti chiedono anche “evidenze scientifiche per misurare l’impatto della pandemia sui bambini e le loro famiglie“, non tanto sull’uso delle mascherine, ma perché “le limitazioni derivate dalla situazione emergenziale, se non calmierate, rischiano di diventare acceleratori non solo di malessere e disagio psichico, ma anche di disuguaglianze sociali, famigliari, individuali e territoriali”.

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola