Mascherina in classe, il Consiglio di Stato: “Bisogna provare che non abbia impatto sulla salute psico-fisica degli alunni”

Stampa

Il Consiglio di Stato ha sospeso l’obbligo di mascherina in classe per un’alunna con difficoltà respiratorie e invita a far luce sul tema dimostrando che l’uso prolungato della mascherina non produca effetti dannosi.

Occorre “una nuova, urgente, motivata rilevazione specifica dell’impatto dell’uso prolungato” delle mascherine sui minori di 12 anni “anche alla luce dei criteri dettati dall’Oms“.

Perché “l’imposizione non giustificata di un dispositivo come il DPI su scolari giovanissimi presuppone l’onere per l’autorità emanante di provare scientificamente che l’utilizzo non abbia impatto nocivo sulla salute psico-fisica dei destinatari“.

Lo scrive il presidente della Terza Sezione del Consiglio di Stato Franco Frattini in un decreto monocratico con cui sospende l’obbligo per una bambina, per difficoltà respiratorie, di indossare la mascherina

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 150€! Entro il 22/04…