Mascherina FFP2 a scuola, entro il 4 gennaio i presidi dovranno indicare quantitativo necessario. NOTA [PDF]

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione ha avviato la rilevazione del fabbisogno di mascherine Ffp2 da distribuire secondo quanto previsto dal decreto legge approvato prima di Natale.

In particolare sarà rilevato il fabbisogno delle mascherine necessarie per il personale “preposto alle attività scolastiche e didattiche nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado, dove sono presenti bambini e alunni esonerati dall’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie”.

I dirigenti scolastici dovranno indicare i quantitativi necessari entro il prossimo 4 gennaio in modo che la distribuzione possa essere organizzata in tempo per il rientro.

NOTA

La rilevazione, sulla base delle specifiche indicazioni ricevute e concordate con la Struttura commissariale, è finalizzata ad ottenere, in tempi molto stretti, le informazioni di dettaglio necessarie per consentire al Commissario straordinario:

  1.  l’acquisto delle mascherine FFP2 secondo le esigenze effettive di ciascuna istituzione scolastica;
  2. la consegna dei beni acquistati, in base ai quantitativi indicati, presso gli indirizzi dei singoli plessi nei quali si articola ciascuna istituzione scolastica.

Sulla base delle informazioni raccolte, mediante la presente rilevazione, sarà possibile rispondere ai fabbisogni effettivi delle istituzioni scolastiche nella particolare fase di emergenza sanitaria, nel limite delle risorse finanziarie complessivamente stanziate a livello nazionale.

Onde evitare di acquistare quantitativi di mascherine eccedenti rispetto al fabbisogno effettivo, specifica il Ministero, si richiede di indicare, per tutte le tipologie di scuole, eventuali quantitativi di mascherine FFP2 acquistate autonomamente dalla scuola e disponibili per le esigenze del personale scolastico in esame.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito