Marzana (M5S): vergogna siciliana su Dirigenti Scolastici

di Lalla
ipsef

MoVimento 5 Stelle Gruppo Parlamentare Camera dei Deputati – “Gli idonei al concorso per Dirigenti Scolastici per la Regione Sicilia ai sensi della Legge 202/2010, chiedono un suo intervento affinché si possa risolvere la situazione di grave irregolarità venutasi a creare in Sicilia”.

MoVimento 5 Stelle Gruppo Parlamentare Camera dei Deputati – “Gli idonei al concorso per Dirigenti Scolastici per la Regione Sicilia ai sensi della Legge 202/2010, chiedono un suo intervento affinché si possa risolvere la situazione di grave irregolarità venutasi a creare in Sicilia”.

Questo un passaggio della lettera-appello che la Deputata del Movimento 5 Stelle Maria Marzana, a nome dei componenti del M5S in Commissione Cultura, ha inviato al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Maria Chiara Carrozza, e al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Sicilia, Maria Luisa Altomonte, al fine di ottenere risposta e porre rimedio rispetto alla situazione che coinvolge 37 docenti, vittime di un’ingiustizia che si sta perpetrando nei loro confronti e che, se non vi saranno inversioni di rotta dell’ultimo minuto, diventerà incontrovertibile domani, quando saranno rese ufficiali le assegnazioni dei posti.

I 37 soggetti in questione – afferma Marzana – sono risultati vincitori del concorso per dirigente scolastico bandito in Sicilia nel 2004.

Nel 2011 è stato poi bandito un nuovo concorso per dirigente scolastico il quale, per inciso, non si sarebbe potuto neppure indire, dal momento che l’altro concorso, della stessa natura, era ancora attivo.

Il Miur – precisa Marzana – per poter bandire anche in Sicilia tale concorso, ha previsto espressamente la precedenza per l’immissione in ruolo da parte dei candidati del concorso del 2004.

Una decisione inopinatamente ribaltata dall’USR Sicilia, il quale ha emanato in data 29/05/2013 il decreto n.11206, a firma Dott.ssa Altomonte, nel quale è scritto che i 176 posti da dirigente scolastico saranno
assegnati ai vincitori del concorso 2011 e che solamente quelli che si renderanno disponibili saranno assegnati ai vincitori del 2004.

Alla luce di quanto esposto, al di là del seguito della vicenda che nell’esercizio della mia funzione porterò doverosamente avanti dentro e fuori l’Aula, ho il dovere istituzionale con la presente – conclude la
deputata del M5S – di sollecitare un suo provvedimento che eviti, con le attuali direttive dell’USR Sicilia, la violazione di un diritto acquisito”.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare