Marinare la scuola sarà più difficile: badge per gli studenti sempre più diffusi. Rusconi: “Potrebbero servire per capire se ci sono classi interamente vaccinate”

Stampa

Brutte notizie per gli studenti: sempre più scuole secondarie di secondo grado si stanno dotando di sistemi elettronici e badge personale per monitorare l’effettiva presenza a scuola dei ragazzi. E in futuro potrebbero essere utilizzati per capire se ci sono classi interamente vaccinate.

Uno dei casi è il liceo Classico Statale Bertrand Russell di Roma, dove a breve i ragazzi dovranno avere il badge identificativo ma non devono ancora ‘strisciare’ la scheda.  Al Liceo Pio IX già dallo scorso anno è stata piazzata una colonna, collegata al registro elettronico: accostando il badge riporta assenze e presenze.

Il genitore in tempo reale può’ vedere se il figlio è a scuola o non lo è – spiega il coordinatore delle attività educative e didattiche del Liceo, Mario Rusconi – ed è pure accaduto che qualcuno dei ragazzi si è dimenticato di strisciare il badge e i genitori hanno chiamato credendo il figlio fosse assente“.

L’auspicio di molti dirigenti scolastici è che questi strumenti possano un giorno servire a stabilire se ci sono classi interamente vaccinate e dove quindi è possibile non portare la mascherina.

Sono strumentazioni utili che molte scuole hanno potuto acquistare grazie ai soldi arrivati anche per l’emergenza Covid – spiega Rusconi – speriamo possano essere rivitalizzate per conoscere con facilità se ci sono classi interamente vaccinate. Non possiamo infatti chiedere chi ha fatto o non ha fatto il vaccino, diverso è se queste informazioni vengono caricate su una piattaforma telematica, come avviene per il personale scolastico“.

L’auspicio di arrivare a classi interamente vaccinate in cui è possibile abbassare la mascherina è contenuto nello stesso decreto del 6 agosto e il ministro Patrizio Bianchi ha fatto più volte riferimento a questa possibilità quando saranno predisposte le linee guida, “ma operativamente non è stato detto come è possibile fare il controllo: questa può essere una strada“, conclude Rusconi.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur