Manovra, Bernini: “Messo già 900 milioni su borse studio e residenze universitarie e 800 milioni sui presidi per il disagio psicologico”

WhatsApp
Telegram

Nella definizione della prossima manovra il Governo continuerà a investire sull’istruzione dei giovani “e lo abbiamo già dimostrato con la prima Legge di Bilancio: ci abbiamo messo un miliardo, secco”.

Lo ha detto il ministro dell’Università e Ricerca, Anna Maria Bernini, intervendo a ‘Morning News’, su Canale 5, nell’ambito dell’intervento avviato dal Governo Meloni sul Parco Verde di Caivano.

Appena arrivati – ha ricordato Bernini – abbiamo messo 900 milioni sulle borse di studio e sulle residenze universitarie”.

Quello che vogliamo fare adesso – ha proseguito – è investire prima di tutto sul diritto allo studio, consentire a tutti di studiare – con le borse di studio – e dare loro un luogo dove stare a prescindere dalla disponibilità delle loro famiglie“, con le residenze per gli studenti.

Bernini ha inoltre osservato che “soprattutto bisogna dare ai giovani la possibilità di avere fiducia in loro stessi e, per questo, abbiamo già ora investito quasi 80 milioni di euro su quello che noi chiamiamo ‘presidio per il disagio psicologico’, in ogni università, in ogni accademia, in ogni conservatorio“.

WhatsApp
Telegram

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito