Mangiare pesce fa bene alla lettura e alla concentrazione

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Mangiare pesce aiuti i bambini che hanno dificoltà nella lettura e nella concentrazione.
 

Red – Mangiare pesce aiuti i bambini che hanno dificoltà nella lettura e nella concentrazione.
 

Lo dicono ricercatori inglesi della Oxford University in uno studio pubblicato su ‘PlosOne’. Alex Richardson, co-autore dello studio e colleghi, hanno notato in particolare che i livelli di Omega-3 Dha, che è la forma di omega-3 presente in maniera preponderante nel cervello e che si assimila mangiando pesce, abbia valenza predittiva della capacità dei bambini di leggere e imparare.

Gli scienziati hanno analizzato i livelli di Omega-3 nel sangue di 493 bambini tra i 7 e i 9 anni con difficoltà a leggere, e hanno interrogato i genitori su che cosa mangiassero i figli a casa abitualmente. Per 9 su 10 il pesce non faceva parte dei pasti per più di 2 volte a settimana, mentre 1 bimbo su 10 non ne consumava proprio. I ricercatori hanno inoltre visto che l’Omega-3 contava in media solo il 2,45% degli acidi totali presenti nel sangue, quando la dose minima raccomandata negli adulti per mantenere un cuore sano è il 4%, e i livelli raccomandati dovrebbero oscillare tra l’8 e il 12%. Secondo gli autori mangiare più pesce o assumere integratori di questo importante acido grasso, potrebbe dunque migliorare le performance scolastiche dei giovanissimi.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione