Malattie e permessi statali: nuove regole sulle assenze

di Lucrezia Di Dio
ipsef

item-thumbnail

In attesa del decreto attuativo sulla riforma del pubblico impiego, si annunciano novità su permessi e malattia del lavoratori statali.

Cambiano le regole sulla malattia, sui congedi e sui permessi per gli statali con la riapertura della contrazione, infatti porterà delle novità anche in queste materie.
L’intesa tra sindacati e governo sottoscritta il 30 novembre scorso prevede, infatti, che l’argomento venga trattato e secondo fonti informate il pacchetto che riguarda malattia e permessi rientrerà nella trattativa del rinnovo contrattuale.

Anche se la contrattazione non è ancora inizia si può già anticipare che la discussione potrebbe basarsi anche sul lavoro svolto dall’Aran 3 anni fa quando la discussione si concentrò specificatamente sulla possibilità di permettere la malattia ad ore, per permettere al dipendente di assentarsi dal lavoro per qualche ora a causa, magari, di una visita specialistica senza saltare l’intera giornata di lavoro.




Ovviamente se si intende portare delle innovazioni in questo campo si dovrà rivedere quello che la legge stessa stabilisce lasciando fuori, ad esempio, quello che prevede la legge 104 nei cui riguardi la contrattazione potrà intervenire soltanto sulle modalità di fruizione. I lavori sulla contrattazione, comunque, vanno di pari passo con la definizione del decreto che riformerà il pubblico impiego, sarà, quindi, da attendere febbraio per non lasciar cadere i termini attuativi della delega Madia sul pubblico impiego.
Quello che resta ovvio e scontato è che il governo farà in modo di perseguire quanto iniziato con il contrasto degli abusi sulla malattia e sulle assenze dal lavoro con l’obiettivo di rendere più efficienti gli accertamenti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione