Malattia: chiarimento su visite fiscali Inps

di Lalla
ipsef

Lalla – Messaggio INPS n. 4344 del 12 marzo 2012 su visite mediche di controllo domiciliare e/o ambulatoriale nel caso in cui il datore di lavoro opti per il servizio Inps e non per l’Asl territorialmente competente.

Lalla – Messaggio INPS n. 4344 del 12 marzo 2012 su visite mediche di controllo domiciliare e/o ambulatoriale nel caso in cui il datore di lavoro opti per il servizio Inps e non per l’Asl territorialmente competente.

A cosa prestare attenzione

"Appare utile puntualizzare, inoltre, con particolare riferimento ai lavoratori del settore pubblico, che il servizio fornito dall’Inps non potrà coprire – allo stato attuale – l’intero orario di reperibilità previsto dalle disposizioni vigenti per tali lavoratori (9.00-13.00/15.00-18.00) essendo possibile infatti effettuare le visite mediche di controllo unicamente nelle fasce di reperibilità relative ai lavoratori del settore privato (10.00-12.00/17.00-19.00).

 Con il nuovo sistema di richiesta on line sarà possibile per il datore di lavoro inoltrare richieste in qualsiasi momento nell’arco delle 24 ore; tuttavia,  saranno elaborate e smistate giornalmente ai medici di competenza le richieste pervenute entro le ore 9.00 per la fascia antimeridiana e ore 12.00 per quella pomeridiana.

Per consentire il controllo medico legale domiciliare, è di fondamentale importanza che il lavoratore verifichi, con la massima attenzione e precisione , l’inserimento nel certificato telematico dei dati riferiti all’indirizzo per la reperibilità. Anche per tale aspetto, infatti, nulla è innovato rispetto al passato e, pertanto, la responsabilità circa la correttezza delle informazioni riportate ricade unicamente sul lavoratore che ha il diritto e l’onere di controllare i suddetti dati al momento dell’inserimento da parte del medico o successivamente visualizzando la copia stampata del certificato stesso. "

Leggi il messaggio INPS

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione