“Magica Italia”: serve maggiore insegnamento di storia dell’arte nelle scuole

di Lalla
ipsef

Prof.ssa Claudia Viacava – Molti di noi, in questi giorni, hanno forse avuto il piacere di vedere e ascoltare alla televisione il nuovo spot promosso dal Ministero del Turismo, in cui la voce del nostro Presidente del Consiglio invita a visitare i luoghi artistici del nostro paese, quello che lui chiama “magica Italia”.

Prof.ssa Claudia Viacava – Molti di noi, in questi giorni, hanno forse avuto il piacere di vedere e ascoltare alla televisione il nuovo spot promosso dal Ministero del Turismo, in cui la voce del nostro Presidente del Consiglio invita a visitare i luoghi artistici del nostro paese, quello che lui chiama “magica Italia”.

“Un paese fatto di mare, di sole (….) ma anche di storia, di cultura e di arte”, così recita lo spot e invita gli italiani a “conoscere” le bellezze artistiche del loro paese.

Niente da obiettare, anzi, credo che tutti siamo pienamente d’accordo con il Presidente, se non fosse che, come al solito, tra il dire e il fare……

Probabilmente solamente gli addetti ai lavori, cioè gli insegnanti, sanno infatti che la Riforma Gelmini ha ridotto notevolmente nelle scuole superiori le già esigue ore di insegnamento della Storia dell’arte, materia che dovrebbe essere, invece, fondamentale proprio in un paese “magico”come il nostro.
E così al Liceo Classico, al Liceo Linguistico e addirittura anche nei Tecnici-Professionali ad indirizzo Turistico si passa a soltanto due ore a settimana e per il solo triennio finale.

Non lamentiamoci poi se le nuove generazioni non conoscono quasi niente del nostro prezioso patrimonio artistico e considerano l’arte e i beni culturali in generale come qualcosa di astratto e di inutile!
Non ha senso, quindi, fare ridondanti appelli agli italiani se non si cerca, in primis, di cambiare le cose nella pratica.

Ecco cosa serve agli italiani per conoscere davvero quello che “la magica Italia” offre: un maggiore insegnamento della storia dell’arte nelle scuole!

Versione stampabile
anief anief
soloformazione