Medici Roma: in reparti anche giovani senza patologie pregresse. Scuole vanno chiuse

Stampa

“Nei reparti ospedalieri iniziamo a vedere anche persone giovani, cosa che prima non avveniva”. Risponde così all’Agenzia Dire il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, sul rischio che sta correndo il Lazio di diventare ‘arancione’.

“Sta passando il messaggio che i giovani non hanno problemi con il virus mentre gli anziani muoiono- prosegue Magi- ma non è proprio così. Tutti dobbiamo stare attenti. Voglio far notare che l’età media dei contagiati è calata a 44 anni in questo momento”.

Ma i giovani ricoverati hanno patologie pregresse? “Non è detto, ci sono giovani colpiti dal virus che non hanno nessuna patologia pregressa. Questo è il problema. Dobbiamo vaccinare tutti il prima possibile per impedire che il virus circoli”. Anche perché, sottolinea ancora il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, il virus “è sempre un’incognita, non si sa come ‘gira’ l’infezione”. Magi torna infine sulle scuole, che “andavano e non aperte, perché stanno agevolando la diffusione delle varianti che colpiscono i più giovani”, conclude.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur