“Maestri non ci si improvvisa, dovrebbero capirlo anche i diplomati magistrali”, un articolo che fa polemica

WhatsApp
Telegram

Comparso tra le pagine del quotidiano Il Corriere della Sera, l’articolo in cui si racconta l’esperienza di Riccardo Circià sta infiammando il dibattito sui social.

Esperienza vs formazione, un dibattito che anima la scuola da decenni. Ma Riccardo Circià, 36 anni e maestro, ha le idee chiare.

Insegna da tre anni come educatore a tempo indeterminato, dopo 7 anni di precariato, ma è tornato sui banchi dell’Università per studiare. “Maestri non ci si improvvisaha detto al Corriere –  dovrebbero capirlo anche i diplomati magistrali, soprattutto quelli che non hanno mai messo un piede in una classe. È un lavoro importante e delicato, quello che si fa con i bambini dai 6 agli 11 anni: perciò io prenderò la mia seconda laurea per abilitarmi e poi tenterò il concorso, proprio come dovrebbero fare loro“. Insomma, punti di vista.

Programmi per il futuro? Partecipare al concorso

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur