Maestri d’arte per l’infanzia: una grande impresa di scuola e di vita

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Maestri d’arte per l’Infanzia è un progetto ipotizzato anni fa che ora si concretizza in un’iniziativa e di valore culturale di Alta Formazione per i giovani che hanno interesse e a cuore un lavoro qualificante per loro e per l’intera società civile.

Da anni l’Associazione PENSARE oltre si occupa di temi inerenti la scuola e dei programmi che risultano più efficaci nell’insegnamento degli apprendimenti di base della scuola dell’obbligo.

Allo stato attuale delle cose, nonostante una società che si ritiene molto progredita e alfabetizzata, sempre più spesso sapere leggere, scrivere e fare di conto non è un risultato raggiunto dagli scolari al termine del loro percorso formativo di base.

Ragione, questa, che ha indotto PENSARE oltre durante un decennio a interrogarci sull’efficacia dei metodi didattici e a diventare un Osservatorio Internazionale su queste tematiche specifiche.

In questo contesto culturale è maturato il progetto di costruire una realtà educativa che nell’arte trovi la massima espressione nella convinzione che le arti abbiano un ruolo fondamentale nello sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini, fornendo loro strumenti culturali ed educativi che ne potenziano le loro capacità e abilità negli apprendimenti.

Da questo pensiero è scaturita l’esigenza di creare una concreta opportunità per i bambini, per i giovani e per l’intera collettività e per favorire una cultura che promuova un Nuovo Rinascimento.

Il Corso di Alta Formazione per l’Infanzia, Maestri d’Arte, che coinvolge artisti Internazionali di chiara fama quali: Fabio Armiliato, Erika Lemay, Raul Cremona Ferdinando Bruni è dedicato ai giovani che vogliono imparare andando a bottega dall’artista che è Maestro e confrontarsi con l’imparare facendo.

È un modo di apprendere tipicamente rinascimentale che trova, in tempi a noi molto vicini, un esponente di grande prestigio nella figura di Don Milani.

L’arte coinvolge ogni senso del bambino, permette lo sviluppo della mente, favorisce la crescita delle abilità, accresce l’autostima, sostiene l’acquisizione di conoscenze indispensabili, permette un autentico e reale percorso d’inclusione scolastica e d’integrazione sociale.

Il bambino artista è quello che sa guardare il mondo, cercare soluzioni e che sa comunicare, dialogare, scoprire i propri punti di forza e giocare la vita attivamente, creativamente.

Attraverso le arti, la narrazione, il teatro, la musica, il disegno, la letto-scrittura, noi vogliamo aprire un varco nella monocultura imperante e offrire ai bambini la gioia di un’apertura al mondo, nel rispetto dei loro tempi biologici legati alla natura, non in contraddizione con i tempi della cultura, desideriamo alimentare la curiosità e la vitalità che ogni piccolo porta naturalmente con sé.

Una scuola stimolante, che non mortifica il piacere di apprendere e che non lascia spazio a diagnosi arbitrarie di disturbi vario genere.

L’obiettivo più esteso nel tempo, in un’ottica futura, è quello di permettere all’allievo di apprendere le basi fondamentali di tutte le discipline, che gli forniranno i fondamenti per potere partecipare con competenza alla cultura del suo paese e di quella internazionale.

Questo è il Focus del Progetto “Maestri d’Arte per l’Infanzia”. La scuola che offriamo è una sfida educativa e sociale per promuovere un avvenire che offra a ciascuno vere opportunità di riuscita.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare