Maestri Cattolici, valutazione sia strumento aiuto per docenti

di redazione
ipsef

red – ”La valutazione, dovrebbe essere strumento di aiuto per ogni docente per migliorare la propria attività anche di fronte a un esito negativo: premiare chi s’impegna maggiormente nel lavoro che si svolge con i bambini, ma anche sostenere e promuovere chi ha bisogno di incrementare le competenze professionali”. Si tratta del commento dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici (AIMC) nel presentare il report finale dell’indagine ”Valutazione dell’insegnamento e qualità della scuola” presso il Centro nazionale AIMC a Roma.

red – ”La valutazione, dovrebbe essere strumento di aiuto per ogni docente per migliorare la propria attività anche di fronte a un esito negativo: premiare chi s’impegna maggiormente nel lavoro che si svolge con i bambini, ma anche sostenere e promuovere chi ha bisogno di incrementare le competenze professionali”. Si tratta del commento dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici (AIMC) nel presentare il report finale dell’indagine ”Valutazione dell’insegnamento e qualità della scuola” presso il Centro nazionale AIMC a Roma.

Si tratta di un aspetto importante – spiega l’Aimc – su cui riflettere per rendere concreto il dettato costituzionale che punta a garantire a ogni persona pari opportunità formative; sono in molti (43%) a evidenziare il collegamento tra valutazione dell’insegnamento e miglioramento dell’apprendimento degli alunni. Anche nel progetto sperimentale del Miur ‘Valorizza’ l’attenzione è stata focalizzata prevalentemente all’incentivazione dell’eccellenza”.

Versione stampabile
anief
soloformazione