Maestre sospese, avrebbero detto “scemo” ai bambini e imposto punizioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Secondo quanto riferito dall’ANSA, ancora due maestre sono state sospese dal servizio con l’accusa di presunti maltrattamenti su alunni della scuola di infanzia.

L’agenzia di stampa riporta tra le accuse” Minacce, continue grida, chiamandoli “scemo” e con punizioni, come quella di rimanere a lungo immobili, in silenzio e seduti con la testa poggiata sul banco.

Episodi che purtroppo si ripetono sempre più spesso, ai quali però bisogna guardare nella loro totalità.

E’ di questi giorni la presentazione, da parte dell’on. Casa (M5S) di una risoluzione con la quale chiede di attivarsi per affrontare concretamente la sindrome del Burnout, attraverso

  • l’organizzazione di corsi di formazioni per i docenti
  • l’istituzione di un osservatorio per il monitoraggio del fenomeno
  • la creazione di sportelli per il supporto psicologico all’interno delle scuole, gestiti da psicologi
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione