Maestre: diplomate “alla gogna”, ma io insegno da più di vent’anni

Stampa

E’ la storia di Monica, che racconta il suo percorso professionale a La Nuova.  E’ la storia di migliaia di docenti con diploma magistrale alle quali oggi scade il contratto e che, in forza delle decisioni di Consiglio di Stato e governo, non sanno ancora quale sarà il loro prossimo contratto. 

Nei giorni scorsi avevamo pubblicato l’appello dell’assessore veneto Donazzan “non si trattano così gli insegnanti“.

Oggi numerosi gli articoli dedicati a queste maestre, proprio in coincidenza della scadenza del contratto.

Monica, dicevamo, insegna da vent’anni. Prima nelle scuole paritarie, poi alla statale. Ottiene il ruolo con riserva dalle Graduatorie ad esaurimento.

Ma il Consiglio di Stato ha stabilito che l’inserimento con riserva non è valido.

E così inizia la trafila del concorso straordinario, ancora non concluso. Ecco le prime graduatorie

Posti ambiti, rivendicati da un lato dai docenti inseriti nelle GaE con i percorsi di abilitazione indetti dal Miur, dall’altro dai docenti con laurea in scienze della formazione primaria, che chiedono di mettersi in discussione con un concorso.

E’ di questi giorni inoltre la proposta di un concorso straordinario bis per docenti con diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02  e laureati in Scienze della formazione primaria con un solo anno di servizio.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata