Maestra sospesa per recita preghiere in classe, ricorre al tribunale del lavoro

WhatsApp
Telegram

L’episodio accaduto prima delle vacanze di natale, vorrebbe, secondo alcune ricostruzioni, che una maestra abbia recitato delle preghiere in classe utilizzando una sora di rosario con 10 perline, e  per questo è stata sospesa. Secondo quanto emerso in un secondo momento, tali pratiche non erano isolate e sarebbero avvenute anche in altre occasioni. Ciò ha portato alla sospensione della Maestra, con sospensione dello stipendio.

Evento che ha suscitato non poco dibattito, anche a livello politico, con l’intervento dello stesso Ministro dell’istruzione che ha chiesto approfondimento sulla faccenda.

Le ragioni del reclamo, secondo quanto appreso dall’ANSA, sono diverse e riguardano sia profili procedurali che di merito. Il ministero dell’Istruzione e del Merito sta seguendo il caso e ha già deciso l’invio di tre ispettori, scelti fra persone di particolare esperienza e competenza, affinché verifichino la regolarità del procedimento e la completezza dell’istruttoria. Nei giorni scorsi, il ministro Giuseppe Valditara aveva sottolineato che in base alla relazione tecnica ricevuta – di cui è in possesso ed è riservata – non si è trattato di un caso isolato ma che in precedenza ci sono stati “diversi interventi bonari del dirigente scolastico e il percorso si è svolto su diversi mesi”.

“Anzichè insegnare geografia, storia e matematica, la maestra avrebbe fatto cantare inni religiosi o pregare. E’ quindi una violazione di un obbligo previsto dalla legge – aveva chiarito il titolare dell’Istruzione – Se poi si tratti di canzoni religiose, di bandiera rossa o di leggere Repubblica durante l’ora di matematica, non cambia”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri