Maestra condannata, Gramellini attacca: “Me la prendo con il Ministero dell’Istruzione, doveva contro-denunciare i genitori”

WhatsApp
Telegram

Ha destato enorme scalpore la vicenda della maestra condannata a 50 giorni di reclusione, dopo essere stata denunciata dalle famiglie per aver insultato e strattonato i bambini.

Nel corso del processo, la difesa dell’insegnante aveva chiesto l’assoluzione sottolineando le numerose contraddittorietà nelle testimonianze dei ragazzi. Anche il pm aveva chiesto l’assoluzione della maestra “perché il fatto non sussiste”. Il giudice ha ritenuto che l’insegnante avesse esagerato nel riprendere gli alunni. Da qui la sentenza di condanna per abuso di mezzi di correzione.

Dura la reazione di politici e sindacati. Anche il mondo della cultura si interroga su quanto avvenuto.

Sul Corriere della Sera interviene lo scrittore Massimo Gramellini: “Si può condannare una maestra a quasi due mesi di reclusione per avere sgridato dei bambini di quinta elementare che, dopo avere imbrattato le pareti dei bagni con le loro feci, avevano ignorato i rimbrotti della bidella con sovrano menefreghismo? Non riesco più nemmeno ad avercela coi genitori che hanno sporto denuncia. Ormai tutto quello che si poteva dire sul rimbambimento narcisistico della categoria è stato detto: basta che un figlio racconti di essere stato vittima di un sopruso perché certi padri e certe madri prendano per buona la sua versione e si scaglino contro l’educatore esterno che ha cercato di supplire alle loro carenze. Come se la condanna dell’insegnante servisse ad assolverli”.

E ancora: “Sospendo il commento sul tribunale di Parma, anche se i polpastrelli mi prudono sulla tastiera (persino il PM aveva chiesto il proscioglimento). Me la prendo invece con il ministero dell’Istruzione che non ha sentito il dovere di contro-denunciare quei genitori per «culpa in educando». Ammettiamo pure che, nella sua ramanzina, la maestra abbia usato toni troppo vivaci. Resta l’atteggiamento dei piccoli vandali. E queste sono cose che non si improvvisano. Richiedono un lungo allenamento casalingo e sparring-partner adulti che addestrino a coniugare vittimismo e strafottenza. Dopo una decisione come questa, quale insegnante oserà ancora alzare la voce davanti alle malefatte dei suoi allievi? Trangugerà il rimprovero per quieto vivere e si andrà avanti così, maleducati e contenti”.

Gli alunni imbrattano i bagni di feci, la maestra li sgrida, i genitori la denunciano. Condannata a 50 giorni di reclusione

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio