Maestra aggredita a Catania, Pacifico (Anief): le sanzioni ci sono, rendiamole pubbliche e lavoriamo sul senso civico

WhatsApp
Telegram

Anief è accanto e a sostegno pieno della maestra aggredita a Catania da un genitore di un suo ex alunno, che l’ha colpita con calci e pugni davanti agli altri alunni e ai loro genitori che erano furori dall’istituto dove insegna.

“Sono episodi deprecabili – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – che confermano la necessità di ricordare con costanza lo status di pubblico ufficiale del personale docente e le sanzioni certe, già esistenti a livello legislativo, per chi arrechi offesa o danno di qualsiasi genere nei loro confronti”.

“I nostri insegnanti – ha continuato il sindacalista – hanno un compito delicatissimo, hanno dimostrato di assolverlo al meglio e con dedizione, anche nell’ultimo periodo contrassegnato dalla pandemia e dalla dad: non meritano assolutamente questo genere di trattamento, che non si può riservare nemmeno a chi non svolge il proprio dovere, figuriamoci a chi lo assolve in modo egregio. Lo Stato e chi lo governa deve mandare un segnale importante: chi fa violenza contro un docente deve sapere che va incontro ad una pena aggravata. È bene che si sappia”.

“Ma allo stesso tempo – continua Pacifico – è bene che ogni istituto scolastico trasmetta con maggiore incisività quel senso civico e quell’autorevolezza verso l’operato degli insegnanti che negli ultimi decenni è diventata sempre più flebile: avere reintrodotto l’educazione civica, anche si poteva ricollocare in modo più organico, è un primo passo verso la sensibilizzazione e il rispetto del prossimo e quindi degli insegnanti. È bene ora che se ne facciano altri, perché tutti, ma proprio tutti, facciano quadrato attorno all’ennesimo docente aggredito solo perché esercita le sue funzioni”.

Rimprovera l’alunno, docente pestata da una mamma all’uscita da scuola

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti