M5S: “Via libera alla digitalizzazione delle scuole pubbliche e a fondo per gap formativi”

Stampa

“Nel Decreto Ristori ci sono due importanti novità che riguardano la scuola pubblica, con due emendamenti già approvati in commissione che sono confluiti nel testo sottoposto all’approvazione dell’aula”.

La prima riguarda “l’istituzione di un fondo per finanziare attività di recupero in presenza per i GAP formativi accumulati a causa delle ricorrenti interruzioni delle attività didattiche dovute alla pandemia. Si tratta di fondi direttamente disponibili per il ministero dell’Istruzione, grazie ad un emendamento a prima firma di Bianca Laura Granato”.

La seconda novità è contenuta in un emendamento, anch’esso approvato in commissione, a prima firma di Vincenzo Santangelo, “che stabilisce che i fondi a favore dei Comuni, pari a 500 milioni di euro annui per la realizzazione di investimenti in opere pubbliche nel settore dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile, siano destinati anche alla connettività e alla digitalizzazione degli impianti e delle infrastrutture di proprietà pubblica, soprattutto gli edifici scolastici. Grazie all’impegno dei senatori del Movimento 5 Stelle la formazione degli studenti viene riconosciuta tra le priorità che necessitavano di essere ristorate”.

Così gli esponenti del Movimento 5 Stelle in commissione Istruzione al Senato.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese