M5s, da Veneto progetto referendum per no a riforma

WhatsApp
Telegram

"Come consiglieri regionali quello che possiamo fare per abolire questa vergognosa riforma è proporre un referendum abrogativo. Serve l'approvazione di cinque Consigli regionali per farlo. Partiamo dal Veneto, chiedendo alla maggioranza di appoggiare il nostro progetto per restituire dignità alla scuola pubblica e ai precari". A dirlo Jacopo Berti, capogruppo di M5s in consiglio regionale veneto riguardo alla riforma della scuola.

"Come consiglieri regionali quello che possiamo fare per abolire questa vergognosa riforma è proporre un referendum abrogativo. Serve l'approvazione di cinque Consigli regionali per farlo. Partiamo dal Veneto, chiedendo alla maggioranza di appoggiare il nostro progetto per restituire dignità alla scuola pubblica e ai precari". A dirlo Jacopo Berti, capogruppo di M5s in consiglio regionale veneto riguardo alla riforma della scuola.

Assunzioni per tutti i precari, senza distinzioni di graduatorie, più finanziamenti alle scuole pubbliche, tetto alle classi pollaio e più fondi per il diritto allo studio: è quanto chiedono in una nota i consiglieri regionali di M5S, componenti della Commissione Istruzione, Erika Baldin e Simone Scarabel, commentando la riforma. "In Veneto – scrivono i due esponenti pentastellati – abbiamo chiesto di restituire dignità alla scuola pubblica, con investimenti per convertire stabili ed aprire nuove scuole pubbliche, soprattutto primarie. La riforma di Renzi, detta 'buona scuola fa il contrario di tutto questo: uccide la scuola pubblica ed è incostituzionale".

 

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro