M5S sul reclutamento: no a chiamata diretta, e retribuzione per gli abilitandi. No a progetto Reggi

Di
WhatsApp
Telegram

red – Come anticipato dalla nostra redazione, oggi il Movimento 5 stelle ha presentato la propria proposta per il futuro percorso di formazione e reclutamento dei docenti. I punti cardine. Trasformare Graduatorie d’istituo in Graduatorie provinciali

red – Come anticipato dalla nostra redazione, oggi il Movimento 5 stelle ha presentato la propria proposta per il futuro percorso di formazione e reclutamento dei docenti. I punti cardine. Trasformare Graduatorie d’istituo in Graduatorie provinciali

  • No al reclutamento diretto dei docenti da parte della scuola o de Diriggente.
  • superamento della distinzione tra l’organico di diritto e quello di fatto,
  • retribuzione dei futuri percorsi di abilitazione e dei tirocini. Percorsi che dovranno avere una struttura più marcatamente incentrata sull’aspetto pratico e didattico.
  • censimento delle graduatorie ad esaurimento – che al momento comprendono 183 mila persone – per capire chi al loro interno stia svolgendo già un altro lavoro o chi non ha mai insegnato
  • mantenimento del doppio canale nella fase transitoria al nuovo percorso di abilitazione, valutando in che percentuale attingere da graduatoria a esaurimento e da concorso (attualmente la proporzione è al 50%),
  • trasformazione delle graduatorie d’istituto in graduatorie provinciali.

Sono alcuni dei punti fermi del Movimento 5 Stelle relativamente al reclutamento dei docenti presentati in occasione nel corso del tavolo di confronto che che si è tenuto oggi a Montecitorio, presso la Sala del Mappamondo.

Seguici anche su FaceBook. Lo fanno già in 114mila

All’appuntamento hanno partecipato deputati e senatori del M5S in commissione Cultura, rappresentanti delle categorie e delle associazioni di docenti.

“Nel dettaglio le proposte – affermano i parlamentari M5S – , che hanno raccolto ampio consenso da parte dei partecipanti, escludono categoricamente qualsiasi possibilità di reclutamento diretto da parte della scuola o del Dirigente scolastico, per ovvi motivi di avversione alle procedure poco trasparenti. Riteniamo necessario  superare l’attualedistinzione tra organico di diritto e organico di fatto, con la creazione di un unico organico che riconosca l’applicazione dell’organico funzionale di istituto o di reti di scuola.

Rivendichiamo che i futuri tirocini e i futuri percorsi di abilitazione siano retribuiti e finalizzati a valorizzare la professionalità dei docenti e le competenze inerenti l’insegnamento attivo, e non accademico. Intendiamo porre al centro del percorso abilitante l’aspetto pratico e didattico del tirocinio e valorizzare il personale docente all’interno del percorso.

L’opportunità di collegare la preparazione accademica alla pratica dell’insegnamento attivo impone che i docenti in servizio siano protagonisti dei percorsi di formazione e di reclutamento. Inoltre,nel corso della giornata odierna sono emersi alcuni altri spunti sulla materia che meritano un ulteriore approfondimento: l’assunzione a tempo indeterminato per tutti i posti vacanti, un censimento delle graduatorie ad esaurimento – che al momento comprendono 183 mila persone – per capire chi al loro interno stia svolgendo già un altro lavoro o chi non ha mai insegnato, mantenimento del doppio canale nella fase transitoria, valutando in che percentuale attingere da graduatoria a esaurimento e da concorso (attualmente la proporzione è al 50%), trasformazione delle graduatorie d’istituto in graduatorie provinciali. Su una cosa siamo stati tutti concordi: le nostre idee per sconfiggere il precariato e garantire un reclutamento “sensato” sono quanto di più lontano rispetto alla riforma prospettata in questi giorni dal ministro Giannini e dal sottosegretario Reggi”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur