M5S scrive a Boldrini: assurdo collegare DEF a DDL Buona Scuola. Non si può emendare il provvedimento senza regole del gioco

di redazione
ipsef

Area Comunicazione M5S Camera dei deputati – Il presidente della Camera non può voltarsi dall'altra parte di fronte alla follia di cui si stanno rendendo protagonisti Governo e maggioranza sul Ddl Istruzione.

Area Comunicazione M5S Camera dei deputati – Il presidente della Camera non può voltarsi dall'altra parte di fronte alla follia di cui si stanno rendendo protagonisti Governo e maggioranza sul Ddl Istruzione.

Per ripristinare il rispetto delle regole parlamentari e tutelare le minoranze, ma, soprattutto, la democrazia, il nostro Capogruppo ha inviato alla terza carica dello Stato una lettera con la quale le chiediamo di prendere immediati provvedimenti.

Così in una nota il Gruppo del Movimento 5 Stelle.

"Oggi ci è giunta dalla vice presidente di commissione, Flavia Piccoli Nardelli una lettera che, se non avesse un contenuto gravissimo, farebbe ridere, tanto è surreale. In pratica intendono collegare il disegno di legge alla manovra di Bilancio, attraverso il Def. Peccato che la scadenza degli emendamenti sul Ddl sia per lunedì alle 12, mentre il Documento di economia e finanza sarà in Aula solo giovedì.

In sostanza, viene chiesto di emendare il provvedimento ma prima che vengano fissate definitivamente le regole del gioco. Vogliamo ricordare a Pd e compagnia che siamo dei parlamentari, non indovini e che questo documento richiede serietà, non preveggenza.

La smettano di massacrare la scuola con questo provvedimento insulso, si sono già sufficientemente coperti di ridicolo e di vergogna"

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione