M5S. Sconto sui libri digitali, ma solo se acquistati in libreria. Si difendono le lobby

di Giulia Boffa
ipsef

M5S – Sui libri digitali passo in avanti, ma anche grande occasione mancata.

La causa è l’’atteggiamento conservatore della Maggioranza che dimostra ancora una volta la sua contrarietà alla promozione di una cultura più facilmente fruibile da tutti e l’’incapacità di restare al passo con i tempi.

Purtroppo il nuovo ministro Giannini metterà un nuovo freno a mano sull’’innovazione a scuola.

M5S – Sui libri digitali passo in avanti, ma anche grande occasione mancata.

La causa è l’’atteggiamento conservatore della Maggioranza che dimostra ancora una volta la sua contrarietà alla promozione di una cultura più facilmente fruibile da tutti e l’’incapacità di restare al passo con i tempi.

Purtroppo il nuovo ministro Giannini metterà un nuovo freno a mano sull’’innovazione a scuola.

Il M5S promuove una cultura del libro digitale che si abbraccia con una filosofia delle licenze aperte, della costruzione del sapere, della cooperazione, dell’’apprendimento coaduviato e facilitato dalle tecnologie.

D’’altronde i dati parlano chiaro e la rete delle scuole che aderiscono a Bookinprogress superano la media dei test invalsi anche in territori notoriamente deboli. L’’emendamento a prima firma Maria Marzana è passato in commissione Finanze e Attività Produttive della Camera sul Dl Destinazione Italia, che estende ai libri digitali il buono sconto del 19% per l’’acquisto di testi generici, scolastici e universitari, ma il PD modifica il testo è specifica che l’’acquisto deve avvenire solo presso le librerie.

Nel dettaglio, l’’articolo 9 del provvedimento dispone l’’istituzione di un credito d’’imposta sui redditi degli esercizi commerciali che effettuano vendita di libri al dettaglio.

A fissare l’’importo disponibile per ogni studente sarà il Miur in accordo con il Mise e il Mibac, sulla base della popolazione studentesca nell’’anno scolastico 2014-2015.

Questa misura sarebbe stata molto favorevole per la promozione dell’’istruzione e della cultura attraverso le nuove tecnologie, che hanno il pregio di abbattere i costi e dunque di facilitare una più ampia fruizione.

Peccato che tale sconto sia valido solo se i libri digitali vengono presso ‘gli esercizi commerciali che effettuano la vendita di libri al dettaglio’.

In pratica, è stato tagliato fuori il mercato dell’’on line, quello presso il quale si rivolge la maggioranza dei fruitori di questi prodotti.

Non solo: l’’accessibilità al bonus è stata limitata ai soli studenti delle scuole secondarie di secondo grado”.

Questa restrizione della platea che può accedere al bonus è dovuta all’’emendamento del deputato Marco Causi che ha pesantemente depotenziato la misura.

C’’è la volontà di preservare la lobby dell’’editoria scolastica incapace ad innovarsi nel nostro Paese.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare